Pittoni, sì abolizione valore legale titoli studio. 90% docenti contrario, da nostro sondaggio

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Senatore Pittoni rilancia l’idea del leader della Lega, Matteo Salvini, di abolire il valore legale del titolo di studio. Proposta che ha scatenato molte polemiche.

Salvini

E’ stato Matteo Salvini a lanciare l’argomento la scorsa domenica durante la scuola politica della Lega, affermando che scuola ed Università sono stati serbatoi elettorali e sindacali e che è giunto il momento di abolire il abolire il valore legale del titolo di studio.

Affermazioni che hanno visto il plauso di qualcuno e le preoccupazioni di altri: tra chi sostiene che in questo modo le Università sarebbero spinte a migliorare il servizio offerto e chi, invece, sostiene che in questo modo si creeranno Università di serie A e di serie B. Senza parlare del rischio clientelismo nei concorsi.

Pittoni

Sulla faccenda è intervenuto anche il Senatore, nonché Presidente della VII Commissione cultura al Senato, Mario Pittoni (Lega), che ieri, durante il convegno organizzato dall’Associazione Nazionale Presidi, ha così affermato. “I genitori spingono i ragazzi a conquistare pezzi di carta, quando si arriverà all’abolizione del valore legale del titolo di studio potrebbe cambiare anche la mentalità dei genitori”.

90% no

Il sondaggio avviato dalla nostra redazione, invece, racconta una storia diversa. Sarebbe il 90% di quanti hanno partecipato ad essere contrari a questa riforma radicale. Forse i tempi non sono ancora maturi.

Il sondaggio continua

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione