Pittoni: “M5s e Pd impediscono le assunzioni, a settembre senza tutti i docenti”

Stampa

Su La Verità interviene il responsabile dipartimento Istruzione della Lega, il senatore Mario Pittoni, in merito alla situazione riguardante il precariato in vista della riapertura delle scuole.

“Da settimane l’attenzione generale è quasi solo sul green pass. Tra aprile e maggio al ministero era pronta una bozza di decreto ampia e articolata. L’impianto, ispirato al mio disegno di legge 1.920, offriva soluzioni di buonsenso per predisporre le liste cui fare riferimento per coprire in via definitiva (a conclusione di adeguati percorsi formativi e selettivi) gli oltre 110.000 posti vacanti e disponibili già finanziati”.

Poi aggiunge: “Altri 60.000 posti si potevano ottenere (una volta individuato il canale di finanziamento più corretto per il miliardo necessario) dalla conversione di altrettante cattedre attive in organico di fatto, andando a risolvere criticità storiche in primo luogo nel sostegno a ragazzi con difficoltà”.

Tutto è saltato, secondo Pittoni, per i veti di M5S e PD: “Tutto si è fermato per i veti del Movimento 5 stelle, già responsabile del disastro dell’anno scolastico 2020/21 avviato praticamente senza insegnanti e senza gli spazi necessari”.

Nulla da fare per Pittoni: “Abbiamo fatto appello alla massima condivisione di una proposta ispirata a due principi fondamentali dell’Ue, che anche l’Italia è tenuta a rispettare: con tre anni di servizio il docente ha diritto a un percorso formativo abilitante (quindi pari dignità rispetto a chi è già abilitato); dopo 3 anni a tempo determinato l’insegnante ha diritto al contratto a tempo indeterminato appena il posto si
rende disponibile, come peraltro prevede il nostro ddl 355. Ma non c’è stato nulla da fare: ha vinto l’asse M5s-Pd, nonostante ignorare tali indicazioni indebolisca la lotta al precariato cronico”.

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”