Pittoni (LEGA), tempi concorso presidi allungati per risparmiare

Stampa

“Il ritardo del concorso per dirigenti scolastici, cui si deve il record negativo di alcune regioni che possono ormai contare a malapena su due presidi ogni tre istituti, ho la sensazione sia legato principalmente a scelte di risparmio economico sulla scuola, alla faccia dei miliardi in più sbandierati dai governi Renzi e Gentiloni sistematicamente smentiti dal DEF (Documento di Economia e Finanza)”. Lo afferma Mario Pittoni, responsabile federale istruzione della Lega Nord.

“Non servivano – spiega Pittoni – grandi rivoluzioni che, come s’è visto, rallentano solo l’iter. Era sufficiente aggiornare il vecchio meccanismo su base regionale, affinché la “severità” di alcune commissioni non sia penalizzante per il territorio interessato, puntando su una selezione che tenga conto della disomogeneità di valutazione in ambito nazionale, magari ispirata al progetto che abbiamo depositato per i docenti, basato su graduatorie regionali a scorrimento. Basta “idoneità”: l’accesso al posto (dopo aver scelto in assoluta libertà la regione dove candidarsi, in ossequio a Costituzione e normativa europea) dipenda dalla posizione in lista, sulla base del punteggio acquisito in un confronto alla pari con gli altri iscritti nella regione. Se servono 50 dirigenti scolastici, si prenderanno i primi 50. Se ne occorrono 100, si collocheranno i primi 100. Senza più – conclude Pittoni – i “vuoti” attuali”.

Stampa

“App-prendo insieme per una rete sicura” è il nuovo progetto di Eurosofia a cura del Prof. Francesco Pira. Il 4 febbraio segui la diretta