Pittoni (Lega): si lavora a postilla di salvaguardia da proselitismo gender

WhatsApp
Telegram

«C'è la disponibilità della capo dipartimento del ministero dell'Istruzione, Rosa De Pasquale, a raccogliere la nostra richiesta di inserire nei documenti che i genitori devono sottoscrivere con l'iscrizione del figlio a scuola, di una postilla a garanzia che le loro firme non vengano utilizzate per autorizzare corsi non voluti. I tecnici sono ora al lavoro per la stesura del testo, ancora da concordare».

«C'è la disponibilità della capo dipartimento del ministero dell'Istruzione, Rosa De Pasquale, a raccogliere la nostra richiesta di inserire nei documenti che i genitori devono sottoscrivere con l'iscrizione del figlio a scuola, di una postilla a garanzia che le loro firme non vengano utilizzate per autorizzare corsi non voluti. I tecnici sono ora al lavoro per la stesura del testo, ancora da concordare».

Lo annuncia Mario Pittoni, responsabile federale Istruzione della Lega Nord. «L'iniziativa – spiega Pittoni – risponde alle preoccupazioni dei tanti genitori che temono l'inserimento a loro insaputa di insegnamenti ispirati alla cosiddetta teoria del gender, pur in presenza di ripetute rassicurazioni da parte del ministro dell'Istruzione Stefania Giannini sull'assenza nella legge 107 (Buona  scuola) del rischio di promozione dell'”indifferentismo sessuale” nelle aule scolastiche.

Dubbi legati al possibile utilizzo improprio della terminologia ambigua presente al comma 16, relativo alle attività formative sull'”educazione alla parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni”. Con il pretesto del contrasto al bullismo, l'impressione è che si apra spazi a progetti con finalità diverse.

Da qui – conclude Pittoni – la nostra iniziativa».

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur