Pittoni (Lega): formare gli insegnanti di sostegno necessari al territorio, studenti non devono accontentarsi di non specializzati

di redazione
ipsef

item-thumbnail

“Riteniamo prioritario intervenire sulla formazione dei docenti di sostegno. Va contro il buonsenso che i corsi di specializzazione siano ancora totalmente scollegati dall’effettivo fabbisogno regione per regione. Se è grave che la scuola riparta tutti gli anni senza insegnanti titolari, diventa inaccettabile quando il problema coinvolge ragazzi con disabilità”.

Lo afferma Mario Pittoni responsabile federale istruzione della Lega.

“Serve poco – spiega Pittoni – che il ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli ammetta la necessità di potenziare l’organico di diritto, se per i corsi di specializzazione, a fronte di necessità ben maggiori, il Piemonte si vede assegnare solo 200 posti, il Veneto 280, l’Emilia-Romagna 310, la Calabria 250.

A farne le spese sono studenti già con le loro difficoltà, che devono accontentarsi di supplenti non specializzati, magari neolaureati privi di esperienza e competenze atte a garantire un’adeguata crescita formativa. Pregando non succeda come l’anno scorso, quando – conclude Pittoni – troppi di questi ragazzi hanno visto cambiare il docente di sostegno anche quattro volte in pochi mesi”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione