Pittoni (Lega), da Fioramonti un colpo al cerchio e uno alla botte

Stampa

“Dimettersi da ministro per i fondi negati all’istruzione, ma garantendo massimo supporto al diretto responsabile, il premier Conte. Citare figure come Calamandrei e Rodari, per poi esprimere provvedimenti come il decreto Scuola (ribattezzato “ammazza precari” dagli interessati), tra i meno apprezzati e condivisi in assoluto. Un colpo al cerchio e uno alla botte.

Caro ex ministro Fioramonti, cari M5S e PD, non prendetevela con la sfortuna se ormai l’elettorato guarda altrove…”. Lo dichiara il senatore della Lega Mario Mario Pittoni, presidente della commissione Cultura a palazzo Madama e responsabile Istruzione del partito.

Ministro Fioramonti, “ecco perché mi sono dimesso”

 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur