Pittoni (Lega): almeno 120mila cattedre scoperte, mancano 20mila collaboratori scolastici. I numeri parlano chiaro

“L’ultima trovata dei grillini per nascondere il disastro della scuola per l’incapacità del ministro Azzolina, è quella di affermare che le carenze sarebbero “strutturali” e che, anzi, ora le cose starebbero addirittura migliorando.

Ma i fatti parlano chiaro: nel primo anno dell’era Covid mancano docenti, aule, banchi, servizi… E c’erano sei mesi per provvedere! Servirebbero altre 20.000 aule e ci sono almeno 120.000 cattedre scoperte tra quelle di diritto e quelle di fatto. Mancano inoltre non meno di 20.000 collaboratori scolastici. Dei 260.000 studenti con disabilità, poi, si occupano 150.000 docenti di cui solo due terzi titolari. Gli altri sono supplenti che cambiano anche quattro volte nell’arco dell’anno scolastico (un trauma per i ragazzi ogni volta). E uno su cinque (circa 30.000) non è specializzato per insufficienza dei corsi di specializzazione. Suggeriamo quindi di concentrare l’attenzione sulla soluzione delle criticità, in molti casi di responsabilità del loro ministro. La polvere è ormai troppa per poterla nascondere sotto il tappeto…”.

Lo dichiara il senatore Mario Pittoni, responsabile Scuola della Lega e vice presidente della commissione Cultura a palazzo Madama.

Docenti neoassunti, formazione su didattica digitale integrata. Affidati ad Eurosofia per acquisire le competenze richieste