Piero Angela, parla il figlio Alberto: “Per mio padre la cultura scientifica doveva essere al centro della scuola”

WhatsApp
Telegram

Inizia oggi su Rai 3 l’ultimo programma ideato e scritto da Piero Angela, il celebre divulgatore scientifico, morto lo scorso 13 agosto. “Prepararsi al futuro” è il titolo della trasmissione dedicato alle nuove generazioni, ai giovani che oggi frequentano le scuole e che un giorno saranno i responsabili della società del futuro.

Su Facebook ecco il post di Alberto Angela, figlio di Piero, divulgatore scientifico come il padre: “Mio padre è sempre stato estremamente attento all’impatto sulla vita delle persone dei cambiamenti climatici e sociali, del progresso tecnologico, della ricerca scientifica. E con i suoi programmi ha sempre provato a raccontarli con un obiettivo di fondo: conoscerli per preparare noi, e soprattutto le nuove generazioni, ad affrontarli nel futuro.
Piero ha sempre pensato che ci fosse la necessità di una cultura nuova, scientifica, che si affianchi a quella umanistica e letteraria e allo straordinario patrimonio del passato. Una cultura nuova improntata sulla conoscenza non solo della scienza, ma soprattutto del modo di “pensare” scientifico, per capire la tecnologia, la ricerca, l’economia, l’ecologia, la società e in generale tutti quegli elementi che sono in grado di formare i giovani per renderli consapevoli del mondo nel quale vivono e nel quale, come sottolineava sempre, sono chiamati a fare la propria parte. Una cultura nuova che non può non essere centrale nell’insegnamento scolastico. “Prepararsi al futuro”, infatti, va oltre la televisione con le sue 16 puntate. Ha come obiettivo di inserire, nei programmi scolastici degli ultimi tre anni delle medie superiori, degli spunti per riflettere e capire meglio l’importanza di questi temi del futuro che tutti i ragazzi e le ragazze dovranno affrontare”.

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno VIII ciclo 2023, diventa docente di sostegno: corso di preparazione, con simulatore per la preselettiva. 100 euro, a richiesta proroga di una settimana