Piemonte, dimensionamento scolastico: discussi i criteri per l’A.S. 2018-2019

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Via libera da parte della VI Commissione consigliare dell’atto di indirizzo della Giunta regionale sui criteri per la definizione del piano di dimensionamento della rete scolastica e dell’offerta formativa per l’a.s. 2018-19.

Il testo, presentato dall’assessora Gianna Pentenero, passa ora all’esame del Consiglio regionale e successivamente sarà trasmesso alle Province ed alla Città metropolitana per la redazione dei piani di loro competenza, che dovranno pervenire alla Regione entro il 24 novembre per essere definitivamente approvato entro il 31 dicembre 2017.

Pur continuando a tener conto delle difficoltà di frequenza scolastica nei comuni montani e nei territori marginali, il documento si propone di garantire la sostenibilità del sistema scolastico nel suo complesso, superando le situazioni di sottodimensionamento e ribadendo la necessità di diffondere il modello “verticale” dell’istituto comprensivo, basato sulla continuità educativa e sull’integrazione di competenze ed esperienze tra i docenti di vario grado. Ad oggi circa il 15% delle autonomie del primo ciclo è ancora caratterizzato dal modello “orizzontale” (fondato sulla separazione tra direzione didattiche e istituti secondari di primo grado).

Per quanto riguarda, invece, le scuole superiori, le novità principali riguardano la volontà di agevolare la transizione al nuovo ordinamento previsto dal decreto di revisione dei percorsi di istruzione professionale, tenendo conto della necessità di salvaguardare l’offerta formativa esistente sul territorio.

Quanto alla possibilità di istituire nuovi indirizzi, “con il documento – ha spiegato l’assessora Pentenero – abbiamo voluto lasciare aperta la possibilità, da parte di Città Metropolitana e province, di richiedere l’attivazione di nuove sezioni sportive e musicali nei rispettivi licei. Ma il via libera definitivo è condizionato alla disponibilità di organico prevista dall’imminente circolare ministeriale sul tema”.

Torino, 26 ottobre 2017

Carla Ruffino

Ufficio Comunicazione

Assessorato Istruzione, Lavoro, Formazione Professionale

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione