Piano Vaccini, in Italia la somministrazione inizierà a metà gennaio: concreta ipotesi di un D-Day europeo

Stampa

Potrebbe cominciare già a metà gennaio, in anticipo rispetto alle previsioni  fatte finora, la somministrazione del vaccino in Italia. A determinare l’accelerazione la circostanza che Pfizer dovrebbe consegnare 15-20  giorni prima del previsto le dosi e la sempre più concreta ipotesi di un d-day unico a livello europeo.

“Il ritorno di Conte da Bruxelles e l’interlocuzione con le aziende e  con gli altri paesi Ue – sottolinea una fonte all’Adnkronos – sta portando all’ipotesi di un d-day europeo per la  somministrazione che potrebbe avvenire nella prima metà di gennaio,  con un’anticipazione di almeno 15 giorni rispetto al programma previsto”.

Proprio per questo motivo le Regioni oggi sono state convocate d’urgenza dal ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia.

L’Italia potrebbe pensare di distribuire le dosi già a fine anno e dare il via  alla somministrazione dalla data che sarà scelta a livello europeo,  presumibilmente tra il 14 e il 16 gennaio.

Alle Regioni toccherà fornire la lista con i nomi e cognomi dei soggetti che avranno la priorità, innanzitutto operatori sanitari e ospiti delle Rsa, in modo che le dosi possano essere fatte pervenire nei 291 punti di  somministrazione distribuiti per il paese e ci si possa vaccinare secondo una cadenza preordinata.

Vaccino covid, distribuzione parte da gennaio: entro l’estate 2021 sarà per tutti

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur