Piano scuola estate: ci sarà anche il contributo dell’Arma dei Carabinieri

Stampa

In attuazione del Protocollo d’intesa già sottoscritto con il Ministero l’Arma dei Carabinieri ha confermato la propria disponibilità a collaborare con le scuole per la realizzazione delle attività previste dal “Piano Estate”. Lo comunicano in una nota congiunta l’Ara dei Carabinieri e il ministero dell’Istruzione.

Proseguiranno, quindi, le attività intraprese durante l’anno scolastico: attività laboratoriali, attività per l’aggregazione e la socializzazione in modalità ‘Campus’.

L’Arma ha già comunicato la disponibilità di una serie di strutture che saranno utilizzabili da studentesse e studenti, dirigenti
scolastici, docenti e l’intera comunità dell’istruzione nei mesi di luglio e agosto, il cui elenco è stato fornito alle scuole con una apposita circolare.

Il progetto, oltre a vedere l’Arma dei Carabinieri impegnata, mediante incontri nelle scuole, a diffondere nei giovani la cultura della legalità e la consapevolezza dell’importanza della sicurezza, nel rispetto delle regole, del dialogo tra le culture e della conoscenza della Carta Costituzionale, consente agli studenti di poter visitare le strutture dei Carabinieri (sia territoriali che dei Reparti Speciali). Tale coesione, tra la Scuola e la Benemerita, consente alle nuove generazioni l’opportunità di essere sempre più unite al mondo delle Istituzioni.

Scuola aperta in estate: come attivarla, chi partecipa, quali attività. Il ruolo degli insegnanti [SPECIALE GUIDA]

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur