Piano Scuola Estate 2021, la partecipazione non porta punteggio a docenti e ATA precari

Stampa

Alcuni chiarimenti del sindacato UIL Scuola sulla partecipazione di insegnanti e personale ATA precari al Piano Scuola Estate, sia che abbiano in essere un contratto sia che verranno assunti specificatamente per l’espletamento del progetto.

“Il personale attualmente in servizio con contratto a tempo determinato (compresi i c.d. contratti “Covid”) non hanno diritto a nessuna proroga contrattuale qualora intendesse partecipare alle attività del Piano Estate. Infatti, non essendo attività strettamente legate a quella ordinaria, dei docenti e del personale A.T.A. e al ruolo degli stessi all’interno della scuola “funzione dello stato”, la partecipazione è legata a contratti di collaborazione o comunque esterni alla attività didattica ordinaria o al profilo professionale per il personale A.T.A..

Lo stesso principio vale anche per tutti quei precari che non avendo nessun contratto di supplenza accetteranno di svolgere le attività del Piano Estate, pertanto, tali giornate lavorative non sono utili né al raggiungimento dei 180 giorni di servizio né alla maturazione del punteggio spendibile nelle diverse graduatorie.”

Compensi

Le risorse possono essere utilizzate per liquidare compensi accessori al personale scolastico (sia docenti che personale A.T.A.) eventualmente coinvolto nella progettazione e realizzazione delle
iniziative.

La retribuzione da corrispondere dovrà essere definita in funzione della specifica tipologia di iniziativa attivata utilizzando i parametri definiti dai CCNL.

ES. per i docenti la tabella n.5 allegata al CCNL scuola 2006-09 distingue tre tipologie di compenso orario lordo tabellare per prestazioni aggiuntive all’orario d’obbligo:

1) Ore aggiuntive per corsi di recupero da liquidare in 50 euro;
2) Ore aggiuntive di insegnamento da liquidare in 35 euro;
3) Ore aggiuntive non di insegnamento da liquidare in 17,50 euro.

ES. nel caso di attività laboratoriali, si potrà prevedere una retribuzione del personale docente in relazione a quanto previsto per le “Attività aggiuntive di insegnamento”, per un importo orario pari a 35 euro.

ATTENZIONE: Le ore aggiuntive per corsi di recupero da liquidare in 50 euro non sono invece da confondere con le attività di “rinforzo e potenziamento” previste dal Piano Estate.

Si riferiscono infatti esclusivamente agli alunni della scuola di II grado per cui è stata disposta la “sospensione del giudizio” in sede di scrutinio finale e per i quali il consiglio di classe, sulla base di criteri preventivamente stabiliti, procede ad una valutazione della possibilità dell’alunno di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto propri delle discipline interessate entro il termine dell’anno scolastico, mediante lo studio personale svolto autonomamente o attraverso la frequenza di appositi interventi di recupero (D.M. 80/2007 e O.M. 92/2007).

Pertanto, tali eventuali attività di recupero, retribuite con 50 euro, non possono riguardare nessuna delle attività del Piano Estate.

Per le attività di formazione  PON il compenso può arrivare per ogni ora a:

✓ 70 euro lordi per i docenti (commisurata all’attività effettivamente svolta);
✓ 30 euro lordi per il tutor

Scuola Estate 2021: no obbligo adesione, compensi, diritti docenti e ATA precari, riunioni e ferie dopo il termine delle lezioni [SCHEDA UIL]

Stampa

Concorso STEM. Minicorso di inglese e informatica, simulatori disciplinari consulenze Skype. Nuovi percorsi rapidi, mirati e intensivi