Piano nazionale scuola digitale, ecco la commissione di valutazione per la selezione di docenti per la costituzione delle équipe formative territoriali DECRETO

WhatsApp
Telegram

Con decreto direttoriale 178 del 16 giugno 2021 è stata nominata la commissione di valutazione per l’individuazione dei docenti costituenti le équipe formative territoriali relative al piano nazionale scuola digitale.

I componenti della commissione di valutazione sono:

Presidente: dott. Andrea Bollini
Componenti: dott. Marco Valerio Longo, prof. Pierluigi Vaglioni
Componenti supplenti: dott.ssa Anna Rita Bove, dott.ssa Rosalba Tamburro
Segretario: sig.ra Cinzia Cantonetti

La sottocommissione, costituita ai sensi dell’art. 7 commi 5 e 6 dell’Avviso, è formata dai seguenti componenti

Presidente: prof.ssa Pasqualina Rubino
Componenti: prof. Giovanni Caprioli, prof.ssa Agnese Maria Rosaria Santoro
Componenti supplenti: dott.ssa Paola Iandolo, prof.ssa Giuseppina Martelli, prof.ssa Immacolata Grimaldi
Segretario: sig.ra Tiziana Desideri

Ricordiamo che le equipe territoriali formative sono finalizzate a garantire la diffusione di azioni legate al Piano per la scuola digitale; promuovere azioni di formazione del personale docente; promuovere azioni di potenziamento delle competenze degli studenti sulle metodologie didattiche innovative.

C’è una novità rispetto allo scorso biennio in cui era consentito l’esonero fino a un massimo di 120 docenti, ovvero è previsto il comando di 20 docenti presso gli Uffici scolastici regionali e presso l’Amministrazione centrale con un ruolo di coordinamento delle attività delle équipe a supporto delle azioni del Piano nazionale per la scuola digitale e anche il semi-esonero al 50% dell’orario di servizio dalle attività didattiche di 200 docenti allo scopo di promuovere misure e progetti di innovazione didattica e digitale nelle scuole e per garantire la diffusione di azioni legate al Piano per la scuola digitale.

IL DECRETO

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito