Piano didattico personalizzato, fra incombenza burocratica e diagnosi da interpretare. I commenti dei lettori

WhatsApp
Telegram

Pioggia di commenti al nuovo video del comico Filippo Caccamo: stavolta la parodia riguarda la compilazione dei PDP, i piani didattici personalizzati per gli studenti con DSA e BES.

Come accaduto per gli altri video di Caccamo condivisi dalla nostra pagina ufficiale Facebook, si evidenziano i problemi e le storture che spesso gli insegnanti segnalano. Su tutti l’incombenza della burocrazia che schiaccia molto spesso proprio il lavoro dei docenti.

A proposito del PDP, sono stati moltissimi i commenti che hanno posto una riflessione sul tema.

Ecco cosa scrive un lettore: “Molti ragazzi con PDP sono da sostegno, ma i tagli alla scuola ha portato alla introduzione dei BES…in questo calderone c’è di tutto! Spesso in una stessa classe ti ritrovi alunni con PEI e tanti alunni con PDP…le classi differenziali di una volta. La scuola italiana non fornisce ai docenti curricolari gli strumenti necessari per fare una didattica inclusiva e l’insegnante di sostegno che é contitolare della classe deve provvedere a ricordarlo ai colleghi oltre che a farsene carico. Spesso quello che é scritto, solo per adempiere alle funzioni burocratiche, non è condiviso come dovrebbe essere…

E ancora: “La burocrazia, le scadenze, al posto di PDP poteva esserci scritto aggiornamento PTOF, programmazioni, prove per competenze e invalsi. Per quanto riguarda me e i miei colleghi c’è pieno rispetto per i ragazzi con PDP, anzi spesso richiediamo noi una diagnosi per evitare di dare 4 costanti, quando vediamo che ci sono delle difficoltà e lo facciamo per loro e la loro autostima“;

Tono critico e sconsolato per un utente che ha commentato così:”Poveri docenti, obbligati a fare i tuttologi da una società malata, votata allo sfruttamento dei lavoratori! Per uno stipendio che vale ormai quattro pagnotte e mezza bolletta, uno deve fare non solo l’insegnante e l’educatore, ma anche, lo psicologo il baby sitter, il medico esperto di diagnosi, l’impiegato burocrate, il sociologo, il mediatore culturale, il PR, l’addetto alla sicurezza …Deve mettere a disposizione materiale di facile consumo, la sua linea internet, la sua casa per correggere compiti, preparare lezioni, scrivere montagne di relazioni e verbali…. Ah, dimenticavo! Il parafulmini contro critiche, aggressioni, insulti continui, in quanto tutti i mali della società sono dovuti a questa figura mitologica, considerata INCOMPETENTE A PRESCINDERE, PRIVILEGIATA, NULLAFACENTE in quanto, PERENNEMENTE IN VACANZA, SADICA TORTURATRICE DI GIOVANI GENERAZIONI“.

Secondo qualcuno il video “fa ridere perché è esattamente così che vengono compilati i PDP, ormai sono al settimo anno e ogni volta devo ricominciare da capo, non c’è formazione, non c’è consapevolezza, per molti è solo un adempimento burocratico e le esigenze dei ragazzi sempre in secondo piano“.

E ancora: “Il problema non è tanto la compilazione in sé, ma l’interpretazione delle diagnosi.. ogni equipe o centro ne predispone di tipologie diverse. L’anno scorso, un solo alunno con dsa su 4 aveva una diagnosi recente, con tutti i descrittori precisamente indicati, con tanto di strumenti compensativi e misure dispensative.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur