Più soldi a chi corregge i compiti a scuola, di pomeriggio

di
ipsef

red – La proposta del Partito Democratico relativamente all’orario lavorativo dei docenti. Dopo il maldestro tentativo da parte di Profumo, l’orario dei docenti italiani è diventato terreno di proposta elettorale

red – La proposta del Partito Democratico relativamente all’orario lavorativo dei docenti. Dopo il maldestro tentativo da parte di Profumo, l’orario dei docenti italiani è diventato terreno di proposta elettorale

Secondo il programma elettorale apparso in questi giorni sul sito, il Partito Democratico propone di istituire due opzioni per l’orario dei docenti

  1. 18 ore settimanali di lezione, classiche
  2. un orario per cui le attività svolte oggi a casa, come la correzione dei compiti, la ricerca didattica, ecc. vengono svolte direttamente a scuola nel pomeriggio

Ovviamente chi sceglie la seconda opzione dovrà essere retribuito maggiormente, avvicinandosi ai migliori livelli europei, e dovrà avere accesso esclusivo agli sviluppi di carriera (come le funzioni obiettivo o la posizione di dirigente scolastico)

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione