Philadelfia e Chicago: la crisi economica minaccia le loro scuole pubbliche

di Giulia Boffa
ipsef

GB – A Philadelfia,in  Pennsylvania, le misure di austerità decise dall’amministrazione locale negli ultimi mesi hanno messo a rischio la regolare riapertura delle 218 scuole pubbliche, prevista per il 9 settembre. Il deficit del distretto di Philadelphia è di 300 milioni di dollari.

GB – A Philadelfia,in  Pennsylvania, le misure di austerità decise dall’amministrazione locale negli ultimi mesi hanno messo a rischio la regolare riapertura delle 218 scuole pubbliche, prevista per il 9 settembre. Il deficit del distretto di Philadelphia è di 300 milioni di dollari.

William Hite, il sovrintendente del distretto scolastico che copre Philadelphia, ha recentemente minacciato di prolungare le vacanze estive dei 136 mila studenti della città, se non arrivano dalle autorità locali almeno 50 milioni di finanziamenti necessari a garantire il funzionamento minimo degli istituti.

A giugno scorso, il distretto scolastico ha licenziato 4.000 dipendenti e cancellato le attività extracurriculari in discipline come arte e musica.

Hite ha chiesto un finanziamento complessivo di 180 milioni di dollari in cambio di concessioni sindacali e di una serie di immobili di proprietà del distretto scolastico.

Anche Chicago presenta un buco di bilancio di 1.000 miliardi di dollari, che graverà sull’istruzione delle scuole pubbliche della città.

Tra le preoccupazioni più gravi di questa situazione si profila un aumento della dispersione scolastica e della criminalità di conseguenza.

Versione stampabile
soloformazione