Petraglia (SEL): Governo sbandiera superamento precarietà ma numeri dicono il contrario

di Lalla
ipsef

"I numeri delle assunzioni in ruolo, appena 11 mila, appare una scelta minimalista rispetto i 30 mila posti vacanti e risulta ancora più inaccettabile da parte di un Governo che sbandiera il superamento della  precarietà come priorità del suo agire politico". Lo afferma la senatrice Alessia Petraglia, capogruppo di Sinistra, Ecologia e Libertà in Commissione Istruzione e Cultura a Palazzo Madama.

"I numeri delle assunzioni in ruolo, appena 11 mila, appare una scelta minimalista rispetto i 30 mila posti vacanti e risulta ancora più inaccettabile da parte di un Governo che sbandiera il superamento della  precarietà come priorità del suo agire politico". Lo afferma la senatrice Alessia Petraglia, capogruppo di Sinistra, Ecologia e Libertà in Commissione Istruzione e Cultura a Palazzo Madama.

"Ancor più grave la mancata previsione delle assunzioni del personale ATA oggetto di una vera e propria discriminazione sociale. Al Ministro Carrozza Sel chiede un segno tangibile della volontà di procedere ad una reale politica di stabilizzazione degli organici e del personale, attraverso quegli interventi più volte annunciati e mai praticati. La proposta di legge, sull’abrogazione del passaggio forzoso dei docenti inidonei nei profili ATA, sottoscritta all’unanimità da tutti i gruppi del Senato, è una priorità assoluta non più procrastinabile. Francamente, non comprendiamo il silenzio o i continui rinvii del Governo.

Ad oggi l’unico messaggio chiaro arrivato da questo esecutivo al personale della scuola – conclude Petraglia – è rappresentato dalla proroga del blocco dei contratti e dei salari, non esattamente ciò che si attendeva questo personale vessato da anni di tagli".

Versione stampabile
anief anief
soloformazione