Petizione online per chiedere la didattica digitale dal 7 gennaio: occorre prevenire la terza ondata

Stampa

Sono quasi 4.000, in pochi giorni, le adesioni alla petizione on-line promossa dall’associazione datoriale Unsic per proseguire con la didattica a distanza nelle scuole superiori dopo il 7 gennaio.

Obiettivo: prevenire o attenuare una terza ondata di contagi che sarebbe più deleteria delle precedenti, soprattutto per la concomitanza con le influenze stagionali, con gli ospedali in sofferenza e con il processo vaccinale.

L’Unsic ha anche raccolto in un dossier denominato “Scuolavirus”, in costante aggiornamento.

“Non è nostra intenzione entrare nella sterile contrapposizione tra Dad e scuola in presenza – spiegano dall’organizzazione – riteniamo unicamente che in una situazione di reale emergenza, con centinaia di morti ogni giorno, sia preferibile con pragmatismo mettere da parte ogni motivazione ideologica e utilizzare le nuove tecnologie finché vaccini e cure con gli anticorpi monoclonali, previsti a marzo, non cambino gli scenari. La Dad, tra l’altro, presenta anche aspetti positivi, tipo la garanzia della continuità didattica rispetto alle continue quarantene: di questo dobbiamo ringraziare la classe docente che sta facendo un lavoro straordinario, compreso l’aggiornamento tecnologico”.

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”