Petizione modifica legge abbandono minore. Non si consideri tale la normale attività autonoma dei bambini

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sulla questione “vigilanza minori” è stata lanciata una petizione, affinché si modifichi la legge. 

Nello specifico, si chiede che venga modificato l’articolo 591 del codice penale:

“Chiunque abbandona una persona minore degli anni quattordici, […] della quale abbia la custodia o debba avere la cura, è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni.”

Con la petizione, in sostanza, si chiede che non venga considerato abbandono di minore la normale attività autonoma dei bambini e dei ragazzi (come l’andare e tornare a scuola da soli, il giocare nei parchi pubblici o nei cortili senza sorveglianti, lo spostarsi in quartiere o in paese in autonomia), e che nessun genitore, insegnante, educatore o preside possa essere considerato responsabile di abbandono in queste condizioni.

Vai alla petizione

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione