Petardi in classe e bagni devastati: protagonisti ragazzini di 12 anni. I genitori “siamo esasperati, scuola deve usare pugno di ferro”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Un ennesimo caso di “baby vandali” viene riportato da Castedduonline. Siamo in Sardegna: una scuola devastata da ragazzini di 12/13/14 anni.

Ma ad ad essere esasperati, oltre sicuramente agli insegnanti e al personale scolastico, sono anche i genitori, che però richiedono alla scuola di intervenire con più fermezza.

La sospensione dalle lezioni, secondo i genitori, non è sufficiente. I genitori reclamano per i propri figli il diritto allo studio e invitano le famiglie del quartiere a ribellarsi, con richieste al dirigente scolastico di intervenire col pugno di ferro.

“Si tratta di ragazzini difficili – concludono i genitori – non si rendono nemmeno conto dei gesti gravi che commettono”

La fonte

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione