Pes (PD). Il ministro Carrozza rassicura sul futuro dei docenti precari di musica dei licei musicali

di Giulia Boffa
ipsef

GB – Il segretario di presidenza della Camera Caterina Pes esprime soddisfazione per la risposta all’interrogazione avuta dal ministro Carrozza sulla possibilità dei docenti di musica precari ad insegnare nei licei musicali, senza dover cedere il posto ai docenti di ruolo utilizzati.

GB – Il segretario di presidenza della Camera Caterina Pes esprime soddisfazione per la risposta all’interrogazione avuta dal ministro Carrozza sulla possibilità dei docenti di musica precari ad insegnare nei licei musicali, senza dover cedere il posto ai docenti di ruolo utilizzati.

"Il ministro Carrozza ci rassicura sul futuro dei cosiddetti "esodati della musica.Si tratta di riconoscere il diritto alla continuità del lavoro a quei docenti che per anni si sono dedicati all’educazione musicale nelle nostre scuole- spiega Pes- e che oggi, a causa della riforma che ha sancito l’istituzione dei licei musicali, si ritrovano senza alcuna prospettiva di incarico e senza veder riconosciuto il punteggio accumulato negli anni di precariato".

 "Parliamo di pochissimi insegnanti – prosegue la deputata del PD – che con la loro attività pregressa hanno contribuito all’istituzione dei degli stessi licei musicali da cui si vedono oggi paradossalmente esclusi a vantaggio di docenti di ruolo di classi di concorso relative alla secondaria di primo grado".

"Prendiamo atto dell’impegno del governo a cercare una soluzione che metta fine a questa ingiustizia- conclude la parlamentare- e ci auguriamo venga accolta la richiesta che a questi precari della musica sia concesso il diritto che spetta loro: quello di avere accesso alle graduatorie per insegnare nei nuovi licei musicali"

Le parlamentari Pd Elena Ferrara e Caterina Pes avevano presentato il settembre scorso, rispettivamente al Senato e alla Camera, l’interrogazione rivolta al Ministro dell’Istruzione Carrozza dove si chiedeva di intervenire sugli ‘esodati della musica’ delle secondarie di secondo livello, insegnanti che "si sono venuti a trovare senza alcuna prospettiva di incarico né tantomeno nella possibilità di poter passare di ruolo e senza la possibilità di poter utilizzare il punteggio accumulato in tanti anni di precariato". "La riforma dell’Istruzione secondaria – si legge nel testo dell’Interrogazione – ha previsto l’istituzione di licei musicali cancellando pero’ la materia Educazione musicale dagli altri indirizzi della scuola superiore".

"I docenti precari di musica – dicono Ferrara e Pes nel testo –  si sono venuti a trovare senza alcuna prospettiva di incarico e senza la possibilità di poter passare di ruolo. Si tratta di pochissimi insegnanti che con la loro attività pregressa hanno contribuito all’istituzione dei degli stessi licei musicali da cui si vedono oggi paradossalmente esclusi a vantaggio di docenti di ruolo di classi di concorso relative alla secondaria di primo grado". Le parlamentari Pd Ferrara e Pes chiedono di "riconoscere al personale che ha prestato servizio docente esclusivamente negli istituti secondari di II grado il diritto all’accesso nelle graduatorie, di prevedere l’utilizzazione dei precari della musica anche per i licei musicali presenti in province diverse rispetto a quella in cui si è inseriti, di prevedere la possibilità di riconferma dei docenti precari per tutti gli insegnamenti nei licei musicali".

Versione stampabile
anief
soloformazione