Personale ATA recupero prefestivi durante emergenza Covid-19 ed eventuale rientro dal 18 maggio

Stampa

Personale ATA: parliamo di recupero dei prefestivi in periodo emergenziale del Covid – 19 e di eventuale rientro dal 18 maggio.

Un nostro lettore chiede

Sono un collaboratore scolastico con contratto al 31 agosto dato lo stato di emergenza covid 19 chiedo come si potranno recuperare i prefestivi dato la mia impossibilità a svolgere lavoro straordinario.

Grazie in anticipo

Diciamo sin da subito che non possono essere imposte ferie d’ufficio per la giustifica dei giorni prefestivi. È sempre opportuno inserire in contrattazione di istituto la modalità in cui i prefestivi devono essere recuperati (dopo giusta delibera e approvazione del personale ATA).

Nel caso quindi, di chiusura dei prefestivi al personale amministrativo-tecnico-ausiliario deve essere garantita la possibilità di riscattare le giornate non lavorate. La contrattazione d’istituto deve indicare le modalità di recupero delle ore non effettuate in quanto ai lavoratori deve essere data l’opportunità di recuperare le ore non effettuate mediante articolazioni diverse del proprio orario o ore eccedenti.

Naturalmente durante la sospensione delle attività didattiche per effetto del DPCM del 26 aprile 2020 che disciplina le misure di contenimento del contagio da Covid – 19 dal 4 al 17 maggio, al personale ATA si conferma l’adozione del lavoro agile quale modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa, ai collaboratori scolastici che, invece, non è possibile applicare tale tipologia di prestazione, ai suddetti giorni non deve essere richiesta nessuna giustificazione in quanto si applica l’art. 1256 del codice civile considerato che le ferie dell’anno precedente andavano consumate entro il 30.04 (sempre a discrezione del dipendente).

In caso di rientro in presenza dal 18 maggio i collaboratori scolastici possono recuperare l’eventuale giornata prefestiva svolgendo nella settimana in cui ricade la suddetta, un orario di servizio di 7,12 h in modo da recuperare il prefestivo oppure con eventuali rientri pomeridiani, naturalmente queste disposizioni devono essere normate dalla contrattazione di istituto e non possono essere mai imposte al personale.

Nulla toglie di giustificare le giornate prefestive attraverso l’istituto delle ferie ma deve essere una scelta del dipendente e non del Dirigente Scolastico.

Stampa

Eurosofia organizza la III edizione di [email protected] Aiutiamo i giovani a progettare il loro futuro in modo consapevole