Personale ATA, adeguamento organico di diritto alle situazioni di fatto. NOTA

WhatsApp
Telegram

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha pubblicato la nota con cui comunica agli USR di aver attivato le funzioni del sistema informativo per consentire eventuali adeguamenti dell’organico di diritto alle situazioni di fatto per il personale ATA in merito al prossimo anno scolastico.

Tale adempimento, si legge sulla nota, è finalizzato a garantire e assicurare la funzionalità e l’efficienza dei servizi scolastici che non sia stato possibile assicurare in sede di definizione dell’organico di diritto.

Dsga

Il dicastero di Viale Trastevere si sofferma subito sul DSGA: il posto di DSGA può essere istituito, nelle istituzioni scolastiche sottodimensionate, esclusivamente nella presente fase di organico di fatto, abbinando due istituzioni scolastiche sottodimensionate. In alternativa, la singola istituzione scolastica sottodimensionata può essere affidata, a titolo di incarico aggiuntivo, a DSGA di ruolo già titolare in scuola normo-dimensionata.

Il Ministero ricorda che sarebbe è preferibile, in considerazione delle esigenze di contenimento della spesa pubblica, attribuire incarichi aggiuntivi a DSGA titolari di scuole normo dimensionate piuttosto che disporre abbinamenti tra scuole sottodimensionate, salvo i casi eccezionali in cui considerazioni legate alle esigenze di efficacia, funzionalità e qualità del servizio richiedano necessariamente l’attivazione dei posti.

Gli altri profili ATA

Per quanto riguarda gli altri profili del personale ATA, in tempo utile per un ordinato avvio dell’anno
scolastico, gli USR sono invitati a valutare prioritariamente le esigenze connesse alla presenza di alunni con disabilità, procedere all’attivazione di ulteriori posti nelle situazioni in cui non sia possibile in
altro modo garantire le necessarie condizioni di sicurezza e di incolumità degli alunni, salvaguardare il regolare funzionamento delle istituzioni scolastiche con un elevato numero di plessi, garantire la copertura dei tempi scuola previsti dai piani triennali dell’offerta formativa, assicurare un adeguato livello di sicurezza nell’utilizzo dei laboratori, fornendo il numero necessario di assistenti tecnici, e tenere conto delle situazioni di disagio legate a specifiche situazioni locali.

Al riguardo, Il Ministero richiama l’attenzione sulla inderogabile esigenza che il numero di posti attivato nella presente fase e riportato nel decreto che codesti Uffici avranno cura di adottare e inviare alla Direzione generale per il personale scolastico, risulti assolutamente concordante con quello comunicato contestualmente al sistema informativo.

LA NOTA

WhatsApp
Telegram

Percorsi abilitanti riapertura straordinaria 60 cfu. Scadenza adesioni 24 giugno. Contatta Eurosofia