Permesso cure termali possibili per dipendenti pubblici?

di Consulente Fiscale

item-thumbnail

I dipendenti del pubblico impiego non possono fruire del congedo per cure termali ma possono avvalersi del congedo per malattia in alcuni casi.

Sono un dipendente del Ministero della Giustizia asmatico ho necessità di cure termali posso usufruire del permesso retribuito? In attesa di riscontro saluto cordialmente. 

Come fruirne nel pubblico impiego?

Il congedo per cure termali può essere fruito soltanto dai dipendenti del settore privato. I dipendenti del pubblico impiego, infatti, per art. 22, comma 25, della Legge 23 dicembre 1994, n. 724 all’art. 42 della Legge 24 dicembre 1993, n. 537, sono esclusi dalla fruizione di tale congedo.

I dipendenti pubblici posso fruire delle cure termali solo nel proprio periodo di ferie o avvalendosi dell’assenza per malattia nel caso la riabilitazione o la terapia sia per affezioni o stati patologici. In questo caso, però, il medico della ASL deve certificare che il ricorso tempestivo ad un trattamento termale sia determinante per la guarigione e sconsigliare un differimento del trattamento. Solo in questo caso il dipendente può fruire per le cure termali del congedo per malattia recandosi alle terme (come specificato nella sentenza Cass. civ., sez. lav., 27 novembre 2001, n. 14957).

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: