Permessi studio (150 ore) docenti e ATA, integrazione contrattazione regione Sicilia. Nota

Stampa

Usr Sicilia e le organizzazioni sindacali hanno trovato l’accordo sull’integrazione del Contratto integrativo Regionale dei permessi studio. Ecco la nota.

Il 19 gennaio l’Ufficio Scolastico Regionale della Sicilia ha incontrato in videoconferenza i rappresentanti della delegazione sindacale regionale Comparto Istruzione e Ricerca CISL Scuola – FLC CGIL Scuola – UIL Scuola – SNALS Confsal e GILDA-Unams per procedere all’integrazione alla Contrattazione Integrativa Regionale per il triennio 2020/2022 siglato definitivamente in data 20/01/2020. Presente anche l’Organizzazione sindacale ANIEF.

Come si legge sulla nota “per il personale docente di ogni ordine e grado che risulta regolarmente inserito nelle graduatorie definitive delle Università agli Studi della Sicilia ed avente titolo alla partecipazione dei suddetti percorsi TFA sostegno potrà presentare istanza presso la propria Istituzione scolastica dal 20 al 24 gennaio 2021. Non saranno accettate istanze prodotte oltre i suddetti termini. Le istituzioni scolastiche dovranno inoltrare le suddette istanze agli Ambiti Territoriali di appartenenza entro e non oltre il 26 gennaio 2021”.

Inoltre, “la graduatoria del personale docente di ogni ordine e grado sarà suddivisa in due parti: una prima parte in cui saranno inseriti tutti i docenti legittimati ed aventi tiolo a presentare l’istanza entro il 15 novembre 2020; una seconda parte in cui saranno inseriti i docenti aspiranti ai corsi del TFA sostegno che pur non avendo i requisiti avevano già presentato istanza e che, alla data del 24 gennaio risultano essere inseriti nelle graduatorie definitive e rientranti nel contingente dei partecipanti ai corsi, e coloro che la presenteranno con la riapertura dei termini. I candidati inseriti nella seconda parte saranno trattati allo stesso modo, quindi saranno inseriti tra di loro a pettine in base al punteggio spettante“.

Ancora: “i permessi studi saranno distribuiti in ogni provincia secondo il contingente del 3% come previsto dall’art. 3, comma 1 del C.I.R. Pertanto saranno attribuiti prioritariamente ai docenti inseriti nella prima parte della graduatoria ed in caso di non esaurimento delle disponibilità anche ai docenti inseriti a pieno titolo nella seconda parte“.

La NOTA

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021. Preparati con CFIScuola!