Permessi diritto allo studio per corsi delle Università telematiche: le condizioni

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I permessi per fruire del diritto allo studio per l’anno scolastico 2018 possono essere richiesti anche dai docenti iscritti a corsi erogati dalle Università telematiche.

L’USR Toscana ricorda, facendo riferimento alla Circolare della Funzione Pubblica n. 12/11, quali sono le condizioni.

La premessa è che le ore di permesso possono essere utilizzate per la partecipazione alle attività didattiche o per sostenere gli esami che si svolgano durante l’orario di lavoro, mentre non spettano per le ore di studio

La circolare n. 12/11 della Funzione Pubblica afferma infatti: “Giova inoltre rammentare che in base alle clausole negoziali, le ore di permesso possono essere utilizzate per la partecipazione alle attività didattiche o per sostenere gli esami che si svolgano durante l’orario di lavoro, mentre non spettano per l’attività di studio. Questo orientamento applicativo, oltre che dal tenore delle clausole, è confermato dall’orientamento della giurisprudenza di legittimità (Cass. Sez. Lav. N. 10344/2008) e dell’ARAN” .

Non vi è dunque nessuna preclusione alla fruizione del permesso da parte dei dipendenti iscritti alle Università telematiche.

Le condizioni

  • presentazione della documentazione relativa all’iscrizione e agli esami sostenuti
  • attestazione della partecipazione personale del dipendente alle lezioni durante l’orario di lavoro

Permessi per diritto allo studio, la guida. Scadenza 15 novembre. Modello di domanda Permessi anche per il conseguimento dei 24 CFU

Versione stampabile
anief anief
soloformazione