Permessi diritto allo studio anche per i 24 CFU, domanda scade il 15 novembre. Aggiornato Emilia Romagna

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Anche il Veneto, dopo il Piemonte, aggiorna il contratto per i permessi per il diritto allo studio, includendo i corsi per il conseguimento dei 24 CFU per l’accesso al concorso per non abilitati senza 3 anni di servizio tra quelli per i quali è possibile richiedere le 150 ore.

Poiché in alcune Università le iscrizioni ai relativi percorsi potrebbero non essere stati avviate, le relative domande saranno accolte con riserva.

Il riconoscimento dei permessi studio seguirà gli stessi criteri relativi agli altri corsi.

La domanda va presentata entro il 15 novembre 2017, attraverso la scuola di servizio.

Anche se i contratti di altre regioni al momento non prevedono espressamente tale possibilità consigliamo di presentare comunque la domanda. Anche se non dovesse essere accolta, darà comunque agli Uffici Scolastici la dimensione della problematica ed eventualmente la possibilità di un intervento.

I contratti regionali

Campania

Emilia RomagnaContratto + integrazione per i 24 CFU  + nuovo modello di domanda

Lazio. Integrato il Contratto regionale con introduzione dei 24 CFU

Lombardia

Liguria: nota, contratto, modulo domanda

Toscana. L’USR chiarisce “La presentazione delle domande da parte degli aventi diritto, secondo le modalità previste dagli artt. 4 e 5 del Contratto Collettivo Integrativo Regionale citato, deve avvenire entro il 15 ottobre di ciascun anno.

Dal momento che l’iscrizione ai percorsi per i 24 C.F.U. in discipline antropo–psico–pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche di cui al D.M. 10 agosto 2017, n. 616, in alcune Università avverrà oltre tale scadenza, che, esclusivamente per i docenti interessati a questi percorsi, sarà possibile presentare la domanda oltre a tale data.

Una scadenza per questa tipologia di domande, plausibilmente il 31 dicembre, verrà comunicata a seguito dell’attivazione dei percorsi da parte di tutti gli Atenei toscani. Le domande saranno comunque accolte nei limiti del 3 % della dotazione organica provinciale di fatto.”

Piemonte

Veneto

La guida per la richiesta dei permessi per diritto allo studio

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare