Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Permessi brevi docenti di ruolo e supplenti, non è richiesta giustificazione: le esigenze non devono essere documentate

WhatsApp
Telegram

L’art. 16 del CCNL 2006-09 prevede che il docente anche supplente, può usufruire di permessi orari per esigenze personali che richiedono di assentarsi dal luogo di lavoro. I permessi orari premettono di assentarsi dal lavoro, sospendendo o interrompendo per brevi periodi di tempo (per una o poche ore) l’attività lavorativa giornaliera.

Un nostro lettore chiede:

Buongiorno, ho letto sul vostro sito una notizia sui permessi brevi. Vorrei capire meglio se devo presentare qualcosa per farne richiesta? Sono insegnante di scuola primaria. Grazie

Non è indicato nella norma che le esigenze del lavoratore debbano essere obbligatoriamente documentate o certificate. Il Contratto, infatti, non ha individuato, in via preventiva ed espressa, nessuna specifica esigenza o ragione giustificativa per la concessione del beneficio. Neppure viene richiesta, a tal fine, l’esibizione di una particolare documentazione giustificativa.

Pertanto,  il personale che fruisce dei permessi brevi  non è tenuto ad alcuna giustificazione, neanche con autodichiarazione, sia preventivamente, delle ragioni a supporto della richiesta, che al rientro in servizio dopo l’utilizzazione del permesso.

Per rimanere aggiornato sulla gestione del personale scolastico, abbonati alla rivista “Gestire il personale scolastico”Vedi tutte le opzioni di abbonamento

Permessi brevi docenti ruolo e precari: quante ore si possono chiedere in un anno, anche per motivi personali. Trattenuta stipendio se non si recupera

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur