04 Agosto 2020 - Aggiornato alle 07:31

Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Perdenti posto: come deve essere graduato il docente trasferito d’ufficio l’1/9/2019? [un errore molto comune]

Molti docenti dichiarati perdenti posto lo scorso anno e trasferiti d’ufficio lamentano errori commessi dalle segreteria. Vediamo di che si tratta.

Carla scrive

Sono una docente che è stata dichiarata perdente posto lo scorso anno. Ho condizionato la domanda ma ahimè non ho ottenuto le scuole che volevo  e sono arrivata così nella attuale scuola. La scuola mi ha inserita come ultima arrivata in coda alla graduatoria. Non credo questo sia corretto e volevo conferma. Grazie

Individuazione perdente posto

la graduatoria interna di istituto viene composta sostanzialmente da due categorie di docenti:

  1. i docenti di ruolo arrivati a domanda volontaria con decorrenza dal precedente primo settembre ovvero l’1/9/2019;
  2. i docenti di ruolo già presenti nella scuola da almeno l’1/9/2018 e anni precedenti  compresi quelli arrivati  a domanda condizionata o trasferiti d’ufficio l’1/9/2019, ancorché soddisfatti in una delle preferenze espresse.

I trasferiti d’ufficio/domanda condizionata

Pertanto, i docenti arrivati nella scuola dal precedente primo settembre rispetto al momento in cui si determina la graduatoria, ovvero 1/9/2019, perché trasferiti d’ufficio o a domanda condizionata sono considerati docenti facenti già parte dell’organico e quindi non ultimi arrivati a domanda volontaria. Non possono quindi essere considerati in coda alla graduatoria.

Conclusioni

L’errore molto comune che ha coinvolto la collega è dovuto ad una interpretazione errata della nota  2 dell’art. che riguarda l’individuazione dei soprannumerari che recita:

“ Il personale docente trasferito d’ufficio senza aver presentato domanda o a domanda condizionata che rientra nell’ottennio nella scuola di precedente titolarità, è da considerare come titolare nella scuola dagli anni scolastici precedenti. Si considera invece come trasferito a domanda volontaria il personale docente perdente posto che, nel corso dell’ottennio, pur avendo richiesto la scuola di precedente titolarità come prima preferenza è soddisfatto per altre preferenze.”

Il secondo periodo (in grassetto) di tale nota viene quindi preso in considerazione per tutti i perdenti posto, anche quelli trasferiti d’ufficio o a domanda condizionata l’1/9/2019, confondendo questi ultimi con il personale già perdente posto negli anni precedenti e che chiede il rientro nella scuola di precedente titolarità nel corso dell’ottennio.

A tal fine facciamo 2 esempi per chiarire meglio la questione:

1 Il docente trasferito d’ufficio o a domanda condizionata l’1//9/2019 è quel docente che è stato dichiarato perdente posto nel marzo/aprile 2019, ovvero nell’anno scolastico 2018/19.

Tale docente ha prodotto domanda cartacea condizionata e non essendosi poi liberato il posto in organico di diritto nella propria scuola, è stato trasferito d’ufficio oppure soddisfatto in una delle preferenze espresse nel modulo cartaceo (a domanda condizionata). Quindi arriva nella nuova scuola l’1/9/2019 acquisendo per la prima volta una nuova titolarità.

2 Il personale invece richiamato dalla nota 2 è ben altro.

È il docente che è già perdente posto dagli anni precedenti al 2018/19 e che è già in una “nuova” scuola rispetto a quella in cui ha perso il posto.

Tali docenti, come si sa, ogni anno e per 8 anni fanno domanda di rientro con modalità online indicando la scuola in cui hanno perso il posto, la tipologia di posto e poi tale scuola va inserita come prima preferenza affinché si continui a mantenere il diritto di rientro e la continuità acquisita.

Se però l’indicazione della prima preferenza è obbligatoria, e che riguarda l’ex scuola di titolarità (al fine di mantenere il diritto di rientro), di contro non è obbligatorio inserire altre preferenze (Infatti, in questo caso, se il docente non dovesse esprimere altre preferenze e non dovesse ottenere il rientro nella sua ex scuola rimarrebbe titolare nella scuola in cui ha già una nuova titolarità).

Ed è qui che “Interviene” la nota 2.

In tale nota, infatti, è specificato che tale docente nel momento in cui indica altre sedi oltre a quella di ex titolarità, sarà considerato su queste a domanda volontaria.

Per cui, non vi è ombra di dubbio che la collega in questione debba segnalare l’errore alla scuola la quale dovrà necessariamente, in autotutela, rettificare la graduatoria e inserirla a pettine.

Ritorno a scuola. Il 14 settembre il riavvio in sicurezza, previsti nuovi spazi alternativi. Segui i corsi di Eurosofia sugli adeguamenti necessari