Percorso FIT: anno di prova, formazione online, progetto di ricerca, verifiche e valutazione finale. Lo speciale

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Pubblichiamo uno speciale dedicato al percorso annuale FIT, cui sono stati ammessi i docenti che hanno svolto il concorso riservato agli abilitati e le cui GMRE sono state pubblicate entro il 31/08/2018.

Nello speciale sono raccolti tutti i nostri articoli dedicati all’argomento: dalla redazione del progetto di ricerca-azione alla valutazione finale.

Normativa di riferimento

Il percorso annuale FIT è disciplinato dal DM n. 984/2017, cui è seguita la nota n. 41693 del 21 settembre 2018.

Supplenza annuale

I docenti, impegnati nel percorso svolgono, supplenze su posti vacanti e disponibili e sono retribuiti secondo le medesime condizioni normative ed economiche del contratto di supplenza annuale. FIT è supplenza al 31 agosto, quanto guadagneranno gli insegnanti

FIT e Anno di prova

Il percorso annuale FIT, se valutato positivamente, assolve a quanto previsto dall’articolo 438 del D.lgs. n. 297/1994 (come novellato dalla legge 107/2015), che indica gli obblighi del docente in anno di prova.

Per i docenti ammessi al FIT, pertanto, il percorso annuale equivale all’anno di formazione e prova dei docenti immessi in ruolo da GaE e GM 21016, sebbene questi ultimi siano già di ruolo, mentre i primi sono assunti con supplenza annuale sino al superamento del percorso.

Adempimenti

I docenti ammessi al percorso annuale FIT svolgono gli adempimenti seguenti:

  • redazione della progettazione didattica annuale con l’assistenza del tutor;
  • elaborazione di un progetto di ricerca-azione;
  • verifiche in itinere, a cui sono dedicate almeno 24 ore;
  • predisposizione del portfolio professionale, comprensivo del bilancio di competenze iniziale e finale e del piano di sviluppo professionale;
  • svolgimento di almeno 180 di servizio effettivamente prestato, dei quali almeno 120 giorni  di attività didattica;
  • colloquio finale.

Progetto di ricerca azione

Gli aspiranti docenti, durante il percorso, svolgono un progetto di ricerca-azione.

Il progetto deve essere coerente con l’assegnazione del docente alle classi, alle attività didattiche, al PTOF, in particolare al curricolo, della specifica istituzione scolastica, alle Indicazioni nazionali per il primo ciclo e per i licei e alle Linee guida per gli Istituti tecnici e professionali.

Approfondisci

Verifiche in itinere

Le verifiche in itinere consistono in attività di osservazione in classe a cura del tutor; tali attività  sono oggetto di progettazione preventiva, successivo confronto e rielaborazione con il tutor e di specifica relazione da parte del docente.

Alle attività di osservazione sono dedicate almeno 24 ore.

Anno di prova FIT, 24 ore di osservazione e specifica relazione. Cosa si valuta

Portfolio professionale

Durante il percorso annuale FIT, il docente predispone un portfolio professionale, in formato digitale, che contiene:

a) il curriculum formativo e professionale;

b) il bilancio delle competenze, da redigersi all’inizio e al termine del percorso;

c) la progettazione didattica, le attività didattiche svolte, le azioni di verifica intraprese;

d) il progetto di ricerca-azione;

e) il piano di sviluppo professionale.

Il portfolio è “costruito” sulla piattaforma online dell’Indire.

Percorso annuale FIT, portfolio online: cosa comprende e come viene predisposto

Commissione di valutazione finale

La commissione di valutazione finale è composta da:

  • dirigente scolastico (che preside la commissione);
  • due docenti scelti dal Collegio docenti;
  • un docente scelto dal Consiglio di Istituto;
  • tutor.

Il dirigente scolastico può integrare la commissione con docenti universitari o ricercatori che abbiano svolto attività nell’ambito dei TFA o PAS nella specifica classe di concorso/posto del docente FIT.

La commissione individua i criteri di verifica degli standard professionali indicati nell’articolo 5 del DM 984/2017, tenuto conto delle verifiche in itinere e degli esiti del progetto di ricerca-azione.

Valutazione finale

L’esame di valutazione finale consiste in un colloquio sulle attività svolte. A tal fine, la Commissione si avvale della documentazione contenuta nel portfolio professionale, trasmesso dal dirigente scolastico alla stessa, almeno cinque giorni prima della data fissata per il colloquio.

Per essere ammessi alla valutazione finale, gli aspiranti docenti devono aver svolto 180 giorni di servizio (effettivamente prestato), dei quali almeno 120 di attività didattica, e il progetto di ricerca-azione.

Anno di prova FIT, colloquio e valutazione finale: chi, quando e cosa

180 giorni di servizio e 120 di attività didattica: ecco quali

Come suddetto, ai fini dell’ammissione alla valutazione finale i devono svolgere 180 giorni di servizio effettivamente prestato, di cui almeno 120 di attività didattica per essere ammessi alla valutazione finale. Continua

Ammissioni al FIT sino al 31/12: le condizioni

Il Miur, con il DM n. 631/2018, ha prorogato al 31 dicembre prossimo il termine entro cui pubblicare le graduatorie (GMRE) del concorso 2018, al fine di essere utilizzate per l’ammissione al percorso annuale FIT a.s. 2018/19. Continua

Tutele congedo parentale e malattia del bambino

L’articolo 10, comma 1, del D.M. n.984 del 14/12/2017, disciplinante il percorso annuale FIT, dispone che anche per i docenti impegnati nel predetto percorso vigono le tutele previste dalla legge in caso di maternità, paternità o gravi malattie. Continua

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione