09. Donne e mafia

Stampa
Contenuti

La partecipazione delle donne nelle organizzazioni mafiose ha assunto negli ultimi anni una connotazione sempre più di partecipazione sostanziale che di esclusione formale. Il ruolo negli affari della famiglia è diventato più attivo svolgendo compiti criminali in prima persona, una sorta di “madrine”, o anche di “supplenti” nei casi in cui il marito fosse in carcere o latitante oppure defunto. Oltre a queste azioni i compiti sono di assistenza ai latitanti, custodia (armi, denaro, droga), comunicazione, mantenimento dei contatti, acquisizione di informazioni e trasmissione di messaggi.

Tra le funzioni delle donne si evidenzia la trasmissione del codice culturale mafioso come la famiglia, l’onore, la subordinazione all’autorità maschile, la vendetta, l’impunità. A fronte di questo però molte donne hanno collaborato con la giustizia in una sorta di modello “emancipativo” allontanandosi dall’illegalità con coraggio e determinazione innescando percorsi di profonda trasformazione della cultura mafiosa per rimuovere il muro dell’omertà più note come “madri-coraggio”. Tra le tante si ricorda Serafina Battaglia, detta “la vedova della lupara”, alla quale la mafia uccise marito e figlio che i parenti, abbandonandola, definirono “pazza”, ma che denunciò nel 1964 sul giornale “L’Ora” all’allora giornalista Tullio De Mauro (linguista, accademico e Ministro dell’Istruzione, al quale la mafia uccise il fratello Mauro) quanto segue: “Mio marito era un mafioso e nel suo negozio si radunavano spesso i mafiosi di Alcamo. Parlavano, discutevano e io perciò li conoscevo uno ad uno. So quello che valgono, quanto pesano, che cosa hanno fatto. Mio marito poi mi confidava tutto e perciò io so tutto. Se le donne dei morti ammazzati si decidessero a parlare così come faccio io, non per odio o per vendetta ma per sete di giustizia, la mafia in Sicilia non esisterebbe più da un pezzo… I mafiosi sono pupi. Fanno gli spavaldi solo con chi ha paura di loro, ma se si ha il coraggio di attaccarli e demolirli diventano vigliacchi. Non sono uomini d’onore ma pezze da piedi”.

Serafina Battaglia
Tullio De Mauro intervista Serafina Battaglia (fonte RAI Storia)

Editing di
WinScuola

Stampa