Percorsi universitari personalizzati e mobilità studentesca tra atenei al Nord e al Sud in Italia. Gli ultimi aggiornamenti

WhatsApp
Telegram

Le parole della Ministra dell’Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini, durante il Question Time alla Camera,  hanno destato curiosità riguardo il futuro del sistema universitario.

Una serie di modifiche radicali alla disciplina vigente delle classi di laurea mirano a rivoluzionare l’approccio alla formazione universitaria, con un accento particolare sulla personalizzazione del percorso formativo e sulla mobilità tra atenei.

Il regolamento consente agli studenti di costruire un percorso di studi unico e adattabile alle proprie esigenze e aspirazioni. Questo sarà possibile grazie al riconoscimento dei crediti formativi di esami sostenuti in altri atenei italiani, in un modello ispirato al programma di mobilità studentesca Erasmus.

Un aspetto importante del nuovo regolamento è la sua applicabilità immediata: non necessita di ulteriori interventi legislativi. Gli atenei avranno l’obbligo di aggiornare i propri regolamenti didattici entro il 30 novembre 2023 per adattarsi alla nuova normativa.

L’obiettivo dichiarato è di potenziare al massimo l’autonomia degli atenei e, soprattutto, degli studenti. L’idea è quella di offrire un percorso di studi su misura per ciascuno, che possa rispondere alle proprie inclinazioni personali e aspirazioni professionali, anche attingendo a offerte formative disponibili presso altri atenei italiani.

Inoltre, la nuova normativa potrebbe facilitare l’istituzione di percorsi formativi di avanzata specializzazione, come ingegnere-medico o biologo-matematico, per citare alcuni esempi. Tali percorsi saranno definiti anche in base al progetto di tesi finale, offrendo ai laureandi un prezioso biglietto da visita nel mercato del lavoro.

Un obiettivo ulteriore del regolamento è colmare il gap tra le università del Nord e del Sud Italia. Offrendo agli studenti la possibilità di completare parte del proprio percorso di studi in atenei diversi, si fornisce un’alternativa valida e meno onerosa alla scelta di studiare fuori regione per l’intera durata del corso di laurea.

La riforma punta a rendere il sistema universitario italiano più attrattivo a livello nazionale e internazionale. Creare connessioni tra gli atenei favorirà lo scambio di conoscenze e lo sviluppo di modelli competitivi, caratteristiche fondamentali per una visione moderna e globale dell’università e della ricerca.

In una società sempre più interconnessa, l’istruzione superiore italiana si prepara a fare un salto di qualità verso un futuro di innovazione e interscambio.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri