Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento-PCTO: in allegato griglia di valutazione e scheda valutazione dei rischi per l’attività di PCTO

WhatsApp
Telegram

La Scuola ha il compito di procedere alla ricognizione dei fabbisogni formativi sul territorio, di definire i fabbisogni formativi sulla base della conoscenza del territorio e dell’evoluzione del mondo del lavoro, di individuare le realtà con le quali avviare collaborazioni che assumono sia la forma di accordi ad ampio raggio, sia di convenzioni operative e specifiche, di redigere i PCTO e di stipulare accordi con le strutture ospitanti.

La progettazione dei percorsi

La progettazione dei percorsi, che con la legge 107/2015 assume una dimensione triennale e OBBLIGATORIA, deve contribuire a sviluppare le competenze richieste dal profilo educativo, culturale e professionale del corso di studi. Il concetto di competenza, intesa come «comprovata capacità di utilizzare, in situazioni di lavoro, di studio o nello sviluppo professionale e personale, un insieme strutturato di conoscenze e di abilità acquisite nei contesti di apprendimento formale, non formale o informale», presuppone l’integrazione di conoscenze con abilità personali e relazionali; i PCTO devono, quindi, offrire allo studente occasioni per risolvere problemi e assumere compiti e iniziative autonome, per apprendere attraverso l’esperienza e per elaborarla/rielaborarla all’interno di un contesto operativo.

La coerenza della progettazione dei PCTO

Per garantire la coerenza della progettazione dei PCTO – come si legge nel regolamento “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento-PCTO” dell’Istituto Istruzione Superiore “N. Pellegrini” Sassari, guidato con grande competenza dal dirigente scolastico Prof. Paolo Acone – a cura dei singoli Consigli di Classe, con il Piano Triennale dell’Offerta Formativa, è indispensabile il contributo preliminare dei Dipartimenti disciplinari. È importante sottolineare il ruolo centrale dei Consigli di classe nella progettazione (o coprogettazione) dei percorsi, nella gestione e realizzazione degli stessi e, infine, nella valutazione del raggiungimento dei traguardi formativi, a cura di tutti i docenti del Consiglio di Classe.

Il profilo operativo della progettazione dei PCTO

Sotto il profilo operativo è necessario:

  • individuare accuratamente le competenze trasversali e/o professionali da sviluppare, in termini funzionali a favorire l’auto-orientamento dello studente;
  • promuovere la riflessione degli studenti sulle loro preferenze, attitudini e attese relative all’esperienza da realizzare;
  • coinvolgere gli studenti nella progettazione dei percorsi;
  • attuare una efficace comunicazione per le famiglie;
  • accompagnare gli studenti nell’osservazione e nella riflessione sui percorsi attivati, ivi comprese (laddove previsto) le dinamiche organizzative e i rapporti tra soggetti nell’organizzazione ospitante, condividere e rielaborare criticamente in aula quanto sperimentato fuori dall’aula;
  • documentare l’esperienza realizzata, anche attraverso l’utilizzo degli strumenti digitali; disseminare e condividere i risultati dell’esperienza.

L’organizzazione dei PCTO

L’Istituto, soggetto promotore – come si legge nel regolamento “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento-PCTO” dell’Istituto Istruzione Superiore “N. Pellegrini” Sassari – garantisce per ogni classe un tutor come responsabile didattico e organizzativo delle attività, i soggetti ospitanti indicano un tutor esterno che si occupa dell’inserimento degli alunni nella struttura ospitante. I percorsi formativi sono svolti sulla base di apposite convenzioni (previsti dal D.Lgs 81/2008 e successive modificazioni, legge 107/2015 e successive Linee Guida operative del MIUR (Legge 145 del 30 dicembre 2018)) stipulate tra l’Istituto nella persona del Dirigente Scolastico e la struttura ospitante nella persona del suo legale rappresentante. Alla convenzione è allegato il progetto formativo degli studenti.

Organizzazione

I periodi di apprendimento mediante esperienze di formazione sono svolti in Istituto e/o presso soggetti esterni alle istituzioni scolastiche e formative, con i quali sono co-progettati, attuati, verificati e valutati sotto la responsabilità di ogni singola istituzione scolastica o formativa. Ai sensi dell’articolo 1, comma 2, del d.lgs. 77/2005, e come ribadito dalle Linee guida della Legge 145 del 30 dicembre 2018, l’attuazione dei percorsi avviene sulla base di apposite convenzioni, attivate con una platea di soggetti (c.d. strutture ospitanti), la cui tipologia è stata notevolmente allargata dall’articolo 1, comma 34 della legge 107/2015 e attualmente possono essere rappresentati da:

  • Imprese e rispettive associazioni di rappresentanza;
  • Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura;
  • Enti pubblici e privati, ivi inclusi quelli del terzo settore;
  • Ordini professionali;
  • Musei e altri istituti pubblici e privati operanti nei settori del patrimonio e delle attività culturali, artistiche e musicali;
  • Enti che svolgono attività afferenti al patrimonio ambientale;
  • Enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI.

I soggetti ospitanti

Tali soggetti – come si legge nel regolamento “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento-PCTO” dell’Istituto Istruzione Superiore “N. Pellegrini” Sassari – manifestano la loro disponibilità ad accogliere gli studenti, per periodi di apprendimento in situazione lavorativa, che non costituiscono rapporto individuale di lavoro. Le attività possono, inoltre, configurarsi con la modalità dell’impresa formativa simulata. I periodi di apprendimento mediante esperienze di lavoro sono articolati secondo criteri di gradualità e progressività che rispettino lo sviluppo personale, culturale e professionale degli allievi in relazione alla loro età e sono dimensionati tenendo conto degli obiettivi formativi dei diversi percorsi di studio, nonché sulla base delle capacità di accoglienza dei suddetti soggetti. Nell’ambito del programma formativo e delle modalità di verifica ivi stabilite, come si è detto, i periodi di apprendimento mediante esperienze di lavoro possono essere svolti durante la sospensione delle attività didattiche e possono comprendere anche attività da realizzare all’estero. I periodi di svolgimento sono dimensionati, per i soggetti disabili, in modo da promuoverne l’autonomia anche ai fini dell’inserimento nel mondo del lavoro. I percorsi sono volti alla realizzazione del profilo educativo, culturale e professionale del corso di studi e degli obiettivi generali e specifici di apprendimento stabiliti a livello nazionale e regionale. Dall’anno scolastico 2016/2017 rientrano nell’alveo del Piano Triennale dell’Offerta Formativa, introdotto dall’articolo 1, comma 2 e seguenti della legge 107/2015.

Le Figure Professionali Coinvolte Nei PCTO

Per quanto riguarda le figure professionali che intervengono nel percorso formativo, risultano strategiche quelle deputate a seguire lo studente nella sua attività, che si identificano nel docente tutor interno e nel tutor formativo esterno, in collaborazione con il Consiglio di Classe affiancati dalla figura di un docente funzione strumentale dei PCTO, come punto di raccordo tra gli operatori interni ed esterni per coordinare le attività previste dai singoli progetti.

La funzione tutoriale: il tutor interno

Il tutor interno, designato dall’istituzione scolastica tra coloro che, avendone fatto richiesta, possiedono titoli documentabili e certificabili, svolge le seguenti funzioni:

  • elabora, insieme al tutor esterno, il percorso formativo personalizzato che è sottoscritto dalle parti coinvolte (scuola, struttura ospitante, studente/soggetti esercenti la potestà genitoriale);
  • assiste e guida lo studente nei percorsi e ne verifica, in collaborazione con il tutor esterno, il corretto svolgimento;
  • gestisce le relazioni con il contesto in cui si sviluppa l’esperienza di apprendimento, rapportandosi con il tutor esterno;
  • monitora le attività e affronta le eventuali criticità che dovessero emergere dalle stesse;
  • osserva, comunica e valorizza gli obiettivi raggiunti e le competenze progressivamente sviluppate dallo studente;
  • promuove l’attività di valutazione sull’efficacia e la coerenza del percorso da parte dello studente coinvolto;
  • informa gli organi scolastici preposti (Dirigente Scolastico, Dipartimenti, Collegio dei docenti, Comitato Tecnico Scientifico/Comitato Scientifico) ed aggiorna il Consiglio di classe sullo svolgimento dei percorsi, anche ai fini dell’eventuale riallineamento della classe;
  • assiste il Dirigente Scolastico nella redazione della scheda di valutazione sulle strutture con le quali sono state stipulate le convenzioni per le attività relative ai percorsi, evidenziandone il potenziale formativo e le eventuali difficoltà incontrate nella collaborazione.

La funzione tutoriale: il tutor esterno

Il tutor esterno, selezionato dalla struttura ospitante, come si è detto, tra soggetti che possono essere anche esterni alla stessa, assicura il raccordo tra la struttura ospitante e l’istituzione scolastica. Rappresenta la figura di riferimento dello studente all’interno dell’impresa o ente e svolge le seguenti funzioni:

  • collabora con il tutor interno alla progettazione, organizzazione e osservazione dell’esperienza dei percorsi;
  • favorisce l’inserimento dello studente nel contesto operativo, lo affianca e lo assiste nel percorso;
  • garantisce l’informazione/formazione dello/degli studente/i sui rischi specifici aziendali, nel rispetto delle procedure interne;
  • pianifica ed organizza le attività in base al progetto formativo, coordinandosi anche con altre figure professionali presenti nella struttura ospitante;
  • coinvolge lo studente nel processo di valutazione dell’esperienza;
  • fornisce all’istituzione scolastica gli elementi concordati per valutare le attività dello studente e l’efficacia del processo formativo.

Obblighi dell’Istituto (soggetto promotore)

L’istituto, come si legge nel regolamento “Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento-PCTO” dell’Istituto Istruzione Superiore “N. Pellegrini” Sassari:

  • si impegna a garantire che ogni studente goda di copertura assicurativa contro gli infortuni e le responsabilità civili;
  • si impegna a designare un tutor (docente dell’Istituto) quale responsabile didattico-organizzativo;
  • si impegna a illustrare ai genitori, o all’esercente la patria podestà dello studente il progetto formativo e il suo regolamento.
  • si impegna ad inserire il progetto nel PTOF:
  • Si impegna verificare l’esistenza presso le strutture ospitanti dei documenti previsti dalla legge (come, ad esempio, Il Documento di Valutazione dei Rischi – DVR) ed eventualmente acquisisce dagli organismi presenti sul territorio (Camere di commercio , Associazioni di imprese e ordini professionali) evidenze documentali da cui risultino i dati e le informazioni relativi all’attività del soggetto ospitante.

Obblighi dell’azienda o struttura ospitante:

La struttura ospitante:

  • si impegna ad accogliere presso le sue strutture lo studente;
  • si impegna a garantire la normativa vigente con particola riferimento alle condizioni di sicurezza e di igiene, sollevando il soggetto promotore da ogni responsabilità dovuta alla violazione delle suddette norme;
  • si impegna a designare un tutor che affianchi lo studente che svolga attività formativa;
  • si impegna a certificare, su apposito modulo, le attività svolte e contribuisce a valutarle.

Obblighi dello studente

L’obblighi dello studente:

  • a rispettare rigorosamente gli orari stabiliti dalla struttura ospitante per lo svolgimento delle attività di PCTO;
  • a seguire le indicazioni dei tutor e fare riferimento ad essi per qualsiasi esigenza o evenienza;
  • ad avvisare tempestivamente sia la struttura ospitante che l’istituzione scolastica se impossibilitato/a a recarsi nel luogo del tirocinio;
  • a presentare idonea certificazione in caso di malattia;
  • a tenere un comportamento rispettoso nei riguardi di tutte le persone con le quali verrà a contatto presso la struttura ospitante;
  • a completare in tutte le sue parti, l’apposito registro di presenza presso la struttura ospitante;
  • a comunicare tempestivamente e preventivamente al coordinatore del corso eventuali trasferte al di fuori della sede di svolgimento delle attività di PCTO per fiere, visite presso altre strutture del gruppo della struttura ospitante ecc.;
  • a raggiungere autonomamente la sede del soggetto ospitante in cui si svolgerà l’attività di PCTO;
  • ad adottare per tutta la durata delle attività di alternanza le norme comportamentali previste dal C.C.N.L., ad osservare gli orari e i regolamenti interni dell’azienda, le norme antinfortunistiche, sulla sicurezza e quelle in materia di privacy.

Scheda valutazione dei rischi

PCTO Griglia di valutazione

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur