Percorsi abilitanti, domande permessi studio 150 ore saranno accolte con riserva. NOTE degli USR

WhatsApp
Telegram

Giungono ancora indicazioni per quanto riguarda la richiesta di permessi per diritto allo studio dei docenti che intendono frequentare i percorsi abilitanti, in partenza ad inizio 2024.

Come abbiamo spiegato in precedenza, l’avvio dei percorsi abilitanti è previsto a gennaio 2024. E quindi, al momento non è possibile fare richiesta.

Già sono diversi gli USR che stanno fornendo indicazioni in tal senso: dato che i permessi di diritto allo studio fanno parte di contratti integrativi regionali, ogni regione può decidere se e come fornire soluzioni al problema.

Fresche sono le note di USR Lombardia e USR Veneto, che entrambe prevedono la possibilità di richiesta del permesso studio, per chi dovrà frequentare il corso abilitante, con riserva.

L’USR Lombardia scrive che “il personale interessato potrà presentare domanda condizionata per la fruizione dei permessi per il diritto allo studio nell’anno solare 2024 per la partecipazione ai suddetti percorsi, per il tramite della scuola di servizio, che trasmetterà le domande a questo Ufficio entro il 20 novembre 2023 attraverso la piattaforma https://rilevazioni-ambitomilano.net/lodi con le credenziali già in possesso e le modalità già note. Le domande formulate dal personale interessato saranno accolte con riserva entro la scadenza del 15 novembre 2023“.

LA NOTA DELL’USR LOMBARDIA

Anche il Veneto opta per la domanda con riserva: “Il personale interessato a iscriversi agli istituendi percorsi di formazione iniziale accreditati in base all’articolo 4 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 agosto 2023 avente ad oggetto la “Definizione del percorso universitario e accademico di formazione iniziale dei docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, ai fini del rispetto degli obiettivi del Piano nazionale di ripresa e resilienza.”, può presentare istanza entro il 15 novembre 2023. Si precisa che, in considerazione della circostanza che i percorsi di cui all’articolo 4 del DPCM del 4.08.23 non sono stati a tutt’oggi neppure istituiti, l’istanza verrà acquisita con riserva e sarà accolta solo entro il limite del contingente eventualmente residuato a livello provinciale, al termine delle operazioni previste“.

LA NOTA DELL’USR VENETO

In precedenza avevamo pubblicato la nota dell’USR Piemonte: “nelle more dell’attivazione dei percorsi formativi universitari finalizzati all’acquisizione dei 60/30/36 CFU, previsti dal DPCM 4 agosto 2023 e necessari a partecipare alle prove concorsuali che saranno attivate secondo quanto previsto dal DL n. 36/2022, convertito in legge n. 79/2022, che ha modificato il D.lgs. 59/2017 ed introdotto il nuovo sistema di formazione e accesso al ruolo dei docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado, esclusivamente per l’anno 2024, il personale interessato potrà presentare domanda, eccezionalmente, entro e non oltre 5 giorni dall’iscrizione ai suddetti percorsi formativi”.

LA NOTA dell’USR PIEMONTE

E quella dell’USR Toscana: In caso di disponibilità di contingente residuale, una volta esaudite positivamente tutte le istanze pervenute nei termini, è permesso, entro 5 giorni dall’iscrizione percorsi di abilitazione previsti dal DPCM 4 agosto 2023, agli interessati di presentare domanda.

LA NOTA DELL’USR TOSCANA

Le regole generali di utilizzo dei permessi

Permessi 150 ore diritto allo studio docenti e ATA [GUIDA]

WhatsApp
Telegram

Concorso docenti 2024/25, bando a novembre: cosa studiare e come prepararsi. Webinar Eurosofia di presentazione il 26 luglio ore 17.00