Percorsi abilitanti docenti, ancora attesa per il decreto che darà il via ai corsi. Cosa c’è da sapere

WhatsApp
Telegram
insegnanti didattica a distanza

Ancora attesa per il decreto del Ministero dell’Università e della Ricerca che darà il via ai corsi per l’abilitazione all’insegnamento. Anche questa settimana non è stato pubblicato il provvedimento che dunque potrebbe vedere la luce nei prossimi giorni.

All’appello mancano ancora i decreti del Ministero con numero dei posti per singola classe di concorso, quota di posti riservati, modalità accesso in caso di sovrannumero.

Il ritardo del decreto può condizionare l’andamento di altre operazioni dedicate agli insegnanti, come spiegato in precedenza.

Gli aspiranti, infatti, ambivano a poter conseguire l’abilitazione in tempo per l’inserimento in prima fascia GPS già dall’anno scolastico 2024/25.

L’aggiornamento delle graduatorie, infatti, è previsto per la primavera, con l’intenzione del Ministero di anticipare addirittura rispetto al passato l’avvio delle operazioni, già addirittura tra la fine di marzo e l’inizio di aprile.

Si farà in tempo? E i punteggi aggiuntivi quando saranno inseriti? Ancora supplenze da seconda fascia GPS dopo un anno trascorso ad attendere l’avvio dei percorsi abilitanti?

I percorsi da avviare nell’anno accademico 2023/24 sono

  1. Corsi abilitanti da 60 CFU: Destinati a chi intende insegnare una disciplina specifica nella scuola secondaria, con riserva del 30% di posti per docenti con tre anni di servizio ALL.1 DPCM I requisiti di accesso
  2. Percorsi formativi transitori da 30 CFU: Destinato ai docenti con tre anni di servizio negli ultimi cinque presso le istituzioni scolastiche statali o paritarie per almeno tre anni, anche non continuativi, di cui almeno uno nella specifica classe di concorso per la quale scelgono di conseguire l’abilitazione, o che hanno sostenuto la prova del concorso “straordinario bis” art. 59 comma 9bis ALL.2 DPCM
  3. Percorsi formativi transitoria da 30 CFU: destinato a laureati che acquisiscono i 30 CFU utili come titolo di accesso al secondo concorso fase straordinario PNRR (bando previsto dopo l’estate). Dopo aver vinto il concorso i docenti completeranno il percorso di abilitazione con gli ulteriori 30 CFU ALL.3 DPCM

Selezione in ingresso in caso di numero elevato di domande 

Ci sarà una specifica tabella titoli per graduare l’accesso ai percorsi.

Già in corso di attivazione presso gli Atenei

  1. Percorsi formativi transitori da 30 CFU per docenti abilitati su altro grado/classe di concorso o specializzati in sostegno: Offre ai docenti già abilitati in altro grado o classe di concorso o specializzati sostegno l’opportunità di acquisire un’altra abilitazione, se in possesso del titolo di accesso richiesto per la classe di concorso NOTA MUR 15 febbraio autorizzazione ai percorsi

La quota di riserva

E’ prevista una quota di riserva

  • per docenti che hanno svolto servizio presso le istituzioni scolastiche statali o paritarie per almeno 3 anni nei 5 precedenti, anche non continuativi (e anche in ordini di scuola diversi purché in possesso del titolo di studio richiesto), di cui almeno uno nella specifica classe di concorso;
  • per coloro che hanno sostenuto la prova concorsuale relativa alla procedura straordinaria bis;
  • per i titolari di contratti di docenza nell’ambito di percorsi di istruzione e formazione professionale delle regioni.

La riserva di posti è pari

  • per il primo ciclo, al 45% dell’offerta formativa programmata e accreditata per ogni classe di concorso in ciascuna Università o istituzione AFAM (il 5% è
    riservato ai titolari di contratti di docenza nell’ambito di percorsi di istruzione e formazione professionale delle regioni)
  •  per il secondo e il terzo ciclo, al 35% dell’offerta formativa programmata e accreditata per ogni classe di concorso in ciascuna Università o istituzione AFAM
    (il 5% è riservato ai titolari di contratti di docenza nell’ambito di percorsi di istruzione e formazione professionale delle regioni).

Va detto che la proposta del Ministero si ferma al 30%. Attendiamo di leggere il testo definitivo.

Ci sarà una selezione?

Se il numero delle domande di accesso ai percorsi eccede i limiti della riserva di posti, con il decreto del Ministro dell’università e della ricerca, sono definiti i criteri di individuazione degli aventi diritto all’accesso ai percorsi. Secondo quanto anticipato ai sindacati si tratterà di una selezione per titoli e servizio.

Le Università che erogano i percorsi

Da ricordare il decreto del Ministero con elenco percorsi accreditati alla data del 7 febbraio 2024. Mancano ancora i percorsi per i quali è stato richiesto l’accreditamento entro il 20 febbraio.

Si tratta di 1.492 corsi, anche se altri potranno essere aggiunti.  SCARICA l’elenco per Regione

Scarica l’elenco per classe di concorso

Ecco le Università e le classi di concorso approvate

Ci si può già iscrivere?

La risposta è negativa. Ci si può iscrivere solo ai percorsi da 30 CFU per altra abilitazione nelle Università che hanno già pubblicato il bando.

Le Università sono in attesa, ribadiamo, dei decreti che indicheranno

  • il numero di posti per classe di concorso approvata
  • le quote di posti riservati
  • le modalità di accesso in caso di domande in sovrannumero

I costi dei percorsi

Il percorso avrà un costo massimo di 2500 euro (60 CFU),  massimo 2000 euro per i corsi da 30 CFU. La prova finale abilitante avrà un costo massimo di 150 euro.

Nuovo sistema di formazione iniziale degli insegnanti

Il nuovo sistema di formazione e reclutamento della scuola secondaria di primo e secondo grado è delineato nel D.lgs. n. 59/2017, come modificato dal DL 36/2022 (convertito in legge n. 79/2022), e si articola in:

  1. un percorso universitario e accademico abilitante di formazione iniziale, corrispondente a non meno di 60 CFU/CFA (il percorso si articola in: formazione; prova finale; valutazione finale)
  2. un concorso pubblico nazionale, indetto su base regionale o interregionale, cui accedono gli abilitati
  3. un periodo di prova in servizio di durata annuale con test finale e valutazione conclusiva.

Il percorso universitario e accademico abilitante, dunque, costituisce il primo dei tre step previsti per diventare docenti di ruolo.

Normativa

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 4 agosto 2023

ALLEGATO A [PDF] PROFILO CONCLUSIVO DEL DOCENTE ABILITATOCOMPETENZE PROFESSIONALI E STANDARD PROFESSIONALI MINIMI

ALLEGATO B [PDF] LINEE GUIDA PER IL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI

Linee guida Anvur

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno IX ciclo. Corso online per il superamento della prova scritta e orale: promozione Eurosofia a soli 70€