Perché un dipendente pubblico deve avere la liquidazione dopo 5 anni dal pensionamento e uno privato dopo 45 giorni? Anief chiede al Parlamento di intervenire

WhatsApp
Telegram

La riforma in atto sul pagamento delle liquidazioni, da assegnare ai dipendenti statali, non sembra migliorare più di tanto la situazione penalizzante: “i dipendenti pubblici continuerebbero a ricevere la liquidazione a pezzi, con attese comunque molto più ampie rispetto a quelle che si verificano nel privato”, annuncia la stampa specializzata.

Anief non ci sta: non è possibile che un dipendente pubblico attenda “più di 5 anni prima di ricevere quanto gli spetta contro i 45 giorni del privato”.

Il sindacato ritiene che il Trattamento di fine servizio debba prevedere gli stessi tempi, sia nel pubblico che nel privato. “Come Anief – dice il suo presidente nazionale Marcello Pacifico – chiediamo al Parlamento di rispondere prontamente alla sentenza della Consulta (n. 130/23) che ha dichiarato illegittima la dilazione del TFS dopo la pensione e di adeguare le norme del pubblico al privato, anche sulla mancata trattenuta della quota del 2,5% a carico delle buste paghe dei lavoratori in regine di TFR, quindi assunti dopo il 1999”.

WhatsApp
Telegram

Prova orale concorso docenti secondaria 1° e 2° grado: come affrontarla in maniera efficace. III edizione, con esempi e UdA