“Perché non diamo un sussidio per la mascherina Ffp2”? La proposta di Crisanti

Stampa

Secondo Andrea Crisanti in contesti affollati sarebbe meglio la mascherina Ffp2. Ecco perchè servirebbe un sussidio per acquistarle

Con tutti i soldi che abbiamo speso, ma perché non facciamo un sussidio per la mascherina Ffp2″, che in alcuni contesti andrebbe indossata? “. La domanda se la pone il microbiologo Andrea Crisanti, oggi a ‘Un giorno da pecora’ su Rai Radio, che ha spiegato: “La mascherina chirurgica funziona, e molto bene – ha puntualizzato – E’ chiaro che in posti estremamente affollati, in cui si sta uno appicciato all’altro, come l’autobus o i vagoni della metropolitana, forse sarebbe bene indossare la Ffp2, perché si è più a rischio“.

Per Crisanti andrebbe imposta, “anche perché chi controlla la capienza dei mezzi, se è al 60, al 75,all’80%?“. E proprio in risposta  all’obiezione relativa ai costi più elevati di queste mascherine, l’esperto dell’università di Padova propone l’istituzione di un sussidio.

Crisanti poi prosegue dicendo che, fermo restando che la mascherina chirurgica “funziona bene” e non c’è “nulla da dire” quando si vedono situazioni come quelle dei politici in sale riunioni chiuse tutti con indosso questo tipo di protezione, per esempio ieri in Consiglio europeo o il premier Conte come appare
in alcune immagini.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur