Perché i compiti a casa e i compiti estivi sono importanti? Un esempio di compiti per le vacanze per la secondaria superiore

Stampa

C’è una forte connessione tra il completamento regolare dei compiti a case, specie nei mesi estivi, tradizionalmente dedicati allo svago (e al dimenticare cosa si è fatto e studiato) e i risultati scolastici alla fine dell’anno e dell’anno successivo (nei casi di compiti lasciati agli alunni per accompagnarli, durante la pausa di tre mesi circa, all’inizio del nuovo anno scolastico. Dedicare del tempo ai compiti per casa e per le vacanze (siano estive che invernali) porta diversi vantaggi, soprattutto per gli studenti che decidono di impegnarsi con cadenzamento certo e costante in questa pausa. Comprendere il valore dei compiti può aiutare ad aumentare la motivazione e la produttività. In questo articolo cercheremo, insieme, di comprendere perché i compiti a casa sono importanti e parleremo di tutti i suoi benefici sia per i bambini, per gli adolescenti e per i ragazzi che per i genitori che, in questa lunga pausa, hanno decisamente un ruolo importante.

Benefici dei compiti estivi

I compiti estivi sono importanti perché sviluppano competenze fondamentali nei bambini piccoli e non solo in loro, negli adolescenti, per esempio, e nei ragazzi della secondaria superiore, che serviranno per tutta la vita scolastica e, cosa più importante, per la vita lavorativa. Voti migliorati, disciplina, gestione del tempo, utilizzo delle risorse e progresso avanzamento della comunicazione sono tutte abilità vitali che apriranno le porte a utilità uniche e aiuteranno i bambini, gli adolescenti e i ragazzi, i nostri alunni e i nostri figli, a trovare il successo nella loro carriera. Fare i compiti regolarmente, nel periodo estivo, divertendosi, giocando e viaggiando, facendo tardi la sera o la notte o alzandosi dal letto in prossimità del pranzo, dovrebbe essere valutato come un investimento per il futuro di tuo figlio, del nostro alunno.

I vantaggi e il metodo

Incoraggiando i compiti a casa, nel periodo estivo, regolari e sostenendo tuo figlio con i consigli e il tuo supporto, puoi certamente notare, come sostiene la N. A. Education, i seguenti vantaggi:

Disciplina della pratica

Ripetere un compito più volte può sembrare arduo, ma è necessario per aumentare le capacità e la comprensione di un argomento da parte di tuo figlio. Compiti a casa regolari, durante le vacanze, con pause e ritmi allentati e diluiti nei tre mesi di lunghissime vacanze, renderanno alcuni concetti più facili da capire e li metteranno in una posizione vantaggiosa anche in prospettiva di una carriera professionale brillante e con maggiori competenze.

Abilità di gestione del tempo

I compiti a casa nel periodo estivo e, comunque, durante le lunghe sospensioni vanno oltre il semplice compito in sé; aiutano a prendere il controllo del loro carico di lavoro e ad aumentare le loro capacità di gestione del tempo. I compiti devono sono fissati con una scadenza (anche bisettimanale) e i figli, i nostri alunni ad assumersi la responsabilità di questa scadenza; li aiuta a pensare in modo indipendente e a sviluppare capacità di risoluzione dei problemi. Questo è un ottimo esempio del perché i compiti a casa, nel periodo estivo, durante le sospensioni o semplicemente, con più naturalezza, durante l’anno scolastico, sono importanti perché la gestione del tempo è un’abilità vitale che aiuta sempre ma più ancora durante l’istruzione superiore e, in lunga prospettiva, per le loro carriere professionali.

Rete di comunicazione

I compiti del periodo estivo fungono da ponte e possono aiutare gli insegnanti e i genitori a saperne di più su come gli studenti amano imparare, fornendo una comprensione più profonda del come intervenire per facilitare il loro apprendimento e per come garantirne uno sviluppo più all’altezza delle loro aspettative. Molti genitori vogliono anche che i loro figli si impegnino in questo percorso estivo per la ragione fondamentale legata proprio alla comprensione del che cosa hanno già imparato a scuola, delle difficoltà sorte proprio per la sospensione e il disancoramento da

Ambiente di lavoro confortevole

Alcuni alunni (specie se bambini) faticano a imparare al di fuori della loro zona di comfort e, sebbene le aule siano progettate per essere calde e accoglienti, spesso non c’è posto come casa. I compiti a casa sono un’opportunità per apprendere e conservare le informazioni in un ambiente in cui si sentono più a loro agio, il che può aiutare ad accelerare il loro sviluppo. Creiamoli questi ambienti di studio; creiamo dei “tempi di studio” durante i quali permettere ai nostri figli di restare soli e concentrati. Spesso nelle case di villeggiatura è più complicato con spazi più piccoli e un maggior numero di presenze durante l’arco dell’intera giornata.

Utilizzo di materiali didattici

Durante l’istruzione è importante capire come utilizzare risorse come le biblioteche e Internet. I compiti nel periodo estivo dovrebbero dare uno sprint in più per insegnare ai bambini e ai ragazzi a cercare attivamente informazioni utilizzando altre risorse per completare i compiti, e questa è un’abilità che sarà fondamentale per tutta la vita: le arene e i cinema, i musei, le biblioteche e la visita ad aree monumentali, artistiche, architettoniche, naturalistiche e paesaggistiche. Anche questo p fare compiti e lasciare che le competenze si radicano nei nostri figli.

Disciplina di revisione

I compiti regolari aiutano i figli a scoprire uno schema che li aiuterà quando devono studiare per test ed esami importanti. I bambini, gli adolescenti e i ragazzi che hanno familiarità con una routine per terminare i compiti troveranno facile adattarsi a un programma di regolari revisioni a casa. Abilità come l’accesso ai materiali didattici, la gestione del tempo e la disciplina aiuteranno a migliorare il modo in cui i nostri alunni rivedono e, in definitiva, miglioreranno i loro voti.

Più tempo per imparare

I bambini imparano a ritmi diversi e il tempo trascorso in classe potrebbe non essere sufficiente per alcuni studenti per comprendere appieno i concetti chiave di una materia. Avere più tempo per l’apprendimento a casa può aiutare i bambini ad acquisire una comprensione più profonda di quella che farebbero se dipendessero esclusivamente dal loro tempo a scuola. I compiti a casa, nel periodo di sospensione didattica (Natale, feste invernale ed estive) sono importanti perché danno a genitori e figli la libertà e il tempo di concentrarsi su argomenti con cui potrebbero avere difficoltà. Questo tempo in più può fare una grande differenza quando si tratterà, un domani, di esami e voti.

E i genitori? che dovrebbero fare?

Abbiamo discusso del motivo per cui è rilevante fare i compiti (ordinatamente, prendendo tutto il tempo a disposizione e con le dovute pause), ma i bambini potrebbero ancora avere difficoltà a rimanere motivati. I genitori possono svolgere un ruolo fondamentale nel rinforzare i propri figli con i compiti; quindi, ecco alcuni dei modi in cui puoi soccorrere.

Area adatta ai compiti

Avere uno spazio dedicato ai bambini, agli adolescenti e ai ragazzi per fare i compiti li sosterrà a rimanere concentrati. Assicurati che sia ben illuminato e fornito di tutto ciò di cui avranno bisogno per i loro impegni di studio e, principalmente, non rimanere vittima del tempo.

Tempo di studio di routine

Una routine regolamentare sorregge i bambini, gli adolescenti e, anche i ragazzi, ad abituarsi a lavorare a casa. Alcuni lavorano meglio al mattino, mentre altri potrebbero preferire il pomeriggio. Elabora una routine in cui tuo figlio è più produttivo ed abbia il tempo per godersi beatamente le ferie, il mare, il lago, la montagna e gli amici. Non è dalle privazioni che vengono fuori i risultati buoni.

Assicurati che stiano imparando

I compiti sono importanti, ma solo se i figli usano questo tempo per imparare. Se fai il lavoro per loro, non vedranno nessuno dei vantaggi che elencati. È importante che tu sia lì per supportarli e aiutarli a capire il lavoro, in modo che possano farlo da soli e principalmente senza quella pressione odiosa che, specie in estate, infastidisce e intorbidisce i risultati eccellenti.

Loda il lavoro e lo sforzo

Riconoscere il duro lavoro che stanno facendo e lodarli per questo è un ottimo modo per far sì che i figli rispondano positivamente ai compiti. Appunta i loro impegni con la lettura, i compiti, gli approfondimenti, nel loro spazio di lavoro o in casa per una motivazione extra.

Fai un piano

I bambini, specialmente, possono sentirsi sopraffatti se hanno molto lavoro da fare. Nelle giornate (le ultime per la verità, dopo il Ferragosto e prima dell’inizio delle lezioni) piene di compiti, aiutali a fare un piano e a suddividere il lavoro in sezioni. Ciò contribuirà a rendere il lavoro più gestibile. Se tuo figlio rispondesse bene a questo, potresti farlo ogni volta che si siedono per lavorare a casa, anche nei compiti pomeridiani d’inizio anno scolastico (mancano davvero poche settimane e l’estate pare stia già al tramonto).

I compiti sono necessari e aiutano a migliorare motivazione e produttività 

Capire perché i compiti sono importanti e spesso necessari aiuta a migliorare sia la motivazione che la produttività specialmente, è il caso di sottolinearlo con franchezza, nei bambini piccoli. Rende anche i genitori consapevoli del ruolo che possono svolgere nel sostenerli.

Un piano compiti estivi per classi parallele e corsi di studio

Ci sono istituti, non solo comprensivi e, dunque, non solo con classi della Primaria e della Secondaria di Primo grado, che hanno previsto un piano d’azione, ben strutturato e bene definito valido per tutte le classi parallele dello stesso corso. Un progetto che sintetizza i prerequisiti della classe d’accesso successiva e che, dunque, ben si finalizza con quanto abbiamo sostenuto, sin adesso, circa l’importanza dei compiti se collegati alle competenze e alle abilità conseguite e a quanto caratterizzerà l’anno successivo. Il riferimento è, ad esempio, all’Istituto Salesiano «Beata Vergine di San Luca» di Bologna, il quale prevede brillantemente, per la scuola secondaria di secondo grado, i compiti delle vacanze per le “future classi” e, congiuntamente, anche le modalità di restituzione: “i compiti vanno consegnati durante il primo giorno di accoglienza a scuola (la data verrà comunicata entro il 20 Agosto)”. Per gli “allievi che devono presentarsi a settembre per i corsi di recupero e per le lettere di avviso: i compiti vanno consegnati in corrispondenza del primo giorno di attività scolastica, unitamente agli eventuali compiti supplementari. La mancata consegna potrebbe incidere negativamente sulla valutazione della prova tutti gli altri allievi: i compiti vanno consegnati al docente della disciplina interessata entro la prima settimana di attività scolastica”.

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE LICEO ECONOMICO-SOCIALE

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione