Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Percettori di reddito di cittadinanza lavorano come aiutanti ATA nelle scuole: il servizio fa punteggio in graduatoria?

WhatsApp
Telegram

Progetti Utili alla collettività (PUC) e graduatorie di terza fascia ATA: la partecipazione a questi progetti rivolti ai percettori di reddito di cittadinanza permette di incrementare il punteggio in graduatoria? Si può inserire come servizio prestato alle dirette dipendenze del Comune?

Un lettore chiede

Buongiorno volevo un informazione. Svolgo servizio di volontariato come aiutante collaboratore scolastico attraverso i Puc comunali (progetto d inclusione sociale con il reddito di cittadinanza) presso un istituto scolastico . Può fare punteggio per la graduatoria ata?

Cosa sono i PUC?

Riportiamo dal sito del ministero del Lavoro: nell’ambito dei Patti per il lavoro e/o per l’inclusione sociale, i beneficiari Rdc sono tenuti a svolgere Progetti Utili alla collettività (PUC) nel comune di residenza per almeno 8 ore settimanali, aumentabili fino a 16.

I Comuni sono responsabili dei PUC e li possono attuare in collaborazione con altri soggetti.

I progetti sono a titolarità dei Comuni, ferma restando la possibilità di svolgerli in gestione associata. I beneficiari sono tenuti a partecipare ai progetti attuati nel loro comune di residenza.

Punteggio in graduatoria ATA?

Tornando al quesito posto dal lettore, la partecipazione a tali progetti potrebbe far incrementare il punteggio in graduatoria?

E’ possibile considerare tale servizio come prestato alle dirette dipendenze dell’Ente locale, ovvero del Comune? In realtà in questo caso si tratta di un progetto, che difficilmente rispetta le caratteristiche richieste per la valutazione del servizio presso Ente locale.

Servizio presso Ente Locale: approfondimento dell’ufficio Scolastico di Bari

Ricordiamo a questo proposito un approfondimento proposto dall’ufficio Scolastico di Bari in occasione dell’aggiornamento graduatorie nel 2021 in base al dm n. 50 del 3 marzo 2021.

“Il servizio da valutare è solo quello prestato alle dirette dipendenze di Amministrazioni Statali, negli Enti Locali (Regione, Provincia, Comuni, Comunità montana) e Patronati scolastici, cioè il servizio che determina un rapporto di lavoro mediante la stipula di contratti sottoscritti ai sensi di specifiche norme contrattuali del CCNL dei richiamati comparti”

Quindi la risposta è negativa, ma in ogni caso una risposta definitiva si potrà avere solo al prossimo aggiornamento delle graduatorie, che sono triennali, previsto nel 2023. Vedremo quale sarà l’incidenza di tali contratti, come e se continueranno ad essere stipulati.

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Eurosofia. Scopri la nuova promozione natalizia: “Calendario dell’avvento”