“Per una scuola digitale”, 11 corsi gratuiti riconosciuti dal Ministero dell’istruzione

Stampa

Corsi di formazione professionale per docenti, organizzato e certificato da SO.GE.S (Società del gruppo Orizzonte Scuola). I corsi sono validi ai fini della formazione in servizio prevista dalla direttiva 170/2016

La personalizzazione della didattica digitale integrata. Corso gratuito riconosciuto dal Ministero

Corso di formazione professionale per docenti, organizzato e certificato da SO.GE.S (Società del gruppo Orizzonte Scuola). Il corso è valido ai fini della formazione in servizio prevista dalla direttiva 170/2016

Il corso dà la possibilità di aggiornare le proprie conoscenze/competenze rispetto alla “nuova” didattica digitale integrata, imparando a rispondere e a gestire i bisogni “personali” degli studenti che in una realtà sempre più informatizzata, insieme ai docenti, si trovano spesso smarriti e i loro ritmi di apprendimento rallentano a dismisura. Verrà fornita una cornice teorica introduttiva e di supporto rispetto a quelle che sono le caratteristiche della didattica individualizzata, personalizzata entro un paradigma che guarda all’inclusione.

Verrà nuovamente ribadito quali sono gli studenti con BES in riferimento anche alla specifica normativa che consente di certificare una disabilità o un disturbo specifico dell’apprendimento, esplicitando quali sono gli studenti “con altri BES”. A tale cornice verrà affiancata una trattazione con esempi pratici su come registrarsi su alcune piattaforme per operare durante la DDI e su come poter sfruttare alcuni strumenti didattici digitali al fine di “agire” un insegnamento alla portata di tutti, una didattica individualizzata, personalizzata, integrata e inclusiva. Verrà espressa una breve lezione su quali sono le differenti modalità di insegnamento/apprendimento facendo riferimento sia agli stili cognitivi degli studenti sia agli cognitivi degli insegnanti.

  • Cosa si intende per didattica individualizzata, personalizzata, integrata e inclusiva.
  • DAD e DDI, analogie e differenze, personalizzazione.
  • Stili cognitivi di apprendimento e insegnamento.
  • L’utilizzo di Book creator per la realizzazione di libri digitali.
  • Google Earth per viaggiare nel mondo…
  • L’utilizzo di Classroom.

La presente iniziativa formativa vuole sostenere il docente nella profilatura del proprio bisogno formativo e relazionale, con riferimento ai contenuti esplicitamente connessi alle ipotesi di miglioramento di specifiche aree del proprio profilo di competenza, quali declinate al comma n. 129, art. 1 l. n. 107/2015 e successive circolari attuative.

L’iniziativa è articolata in lezioni asincrone, supportate da un corredo di documentazioni rilevante

Iscriviti al corso

Programmi di addestramento alle abilità di studio, quando l’insegnante è in piattaforma

Corso di formazione professionale per docenti, organizzato e certificato da SO.GE.S (Società del gruppo Orizzonte Scuola). Il corso è valido ai fini della formazione in servizio prevista dalla direttiva 170/2016

Molti studenti che non sono stati introdotti alle basi di come funziona il cervello formano una mentalità limitata e fissa. Credono che l’intelligenza sia qualcosa che hanno o non hanno. La mentalità è radicata e immutabile, proprio come accettare il fatto che i tuoi occhi siano marroni o blu. Ne risultano due possibili conseguenze:

Gli studenti credono di avere un’intelligenza inferiore alla media. Questi studenti possono essere facilmente identificati perché spesso fanno affermazioni come; “Non so fare matematica” o “Sono un pessimo esaminatore”.

Altri studenti credono di essere naturalmente intelligenti e non mettono il livello di impegno necessario per raggiungere il loro pieno potenziale. Anche questi studenti hanno delle scuse. Le loro scuse suonano come se non si preoccupassero dei loro voti: “Avrei potuto guadagnare un ‘A’ al test ma non ho studiato per questo”. Nel profondo, questi studenti resistono al lavoro impegnativo. La loro paura è che se tentassero un lavoro impegnativo e fallissero, altri potrebbero scoprire che dopotutto non sono così intelligenti.

Entrambe le estremità dello spettro della mentalità fissa sono dannose per le prestazioni degli studenti e possono prevalere sulla conoscenza e sul potenziale degli studenti.

Ciò che serve ed è utile è fornire loro “Programmi di addestramento alle abilità di studio” anche quando l’insegnante è in piattaforma.

Il corso fornisce alcuni esempio di utilizzo di “Programmi” e apre la strada a questa scelta anche in tempo di Didattica a Distanza”.

La presente iniziativa formativa vuole sostenere il docente nella profilatura del proprio bisogno formativo, con riferimento ai contenuti esplicitamente connessi alle ipotesi di miglioramento di specifiche aree del proprio profilo di competenza, quali declinate al comma n. 129, art. 1 l. n. 107/2015 e successive circolari attuative.

L’iniziativa è articolata in lezione sincrona, supportate da un corredo di documentazioni rilevante.

Iscriviti gratuitamente

Inclusione e Didattica digitale integrata

Il corso dà la possibilità di aggiornare le proprie conoscenze/competenze rispetto alla “nuova” didattica digitale integrata, imparando a rispondere e a gestire i bisogni degli studenti che in una realtà sempre più informatizzata, insieme ai docenti, si trovano spesso smarriti.

Verrà fornita una cornice teorica introduttiva e di supporto rispetto al funzionamento degli studenti e delle studentesse con disabilità. Verrà chiarito quali sono gli studenti con BES in riferimento anche alla specifica normativa che consente di certificare una disabilità o un disturbo specifico dell’apprendimento, esplicitando quali sono gli studenti “con altri BES”. A tale cornice verrà affiancata una trattazione con esempi pratici su come registrarsi su alcune piattaforme per operare durante la DDI e su come poter sfruttare alcuni strumenti didattici digitali al fine di “agire” un insegnamento alla portata di tutti, anche alla portata di studenti con disabilità. Verrà espressa una breve lezione su quali sono le differenti disabilità che possiamo incontrare nel mondo della scuola e su quali sono ancora oggi le diverse tipologie di barriere che ostacolano un’inclusione autentica

  • Quali sono i disturbi specifici dell’apprendimento e le varie tipologie di disabilità maggiormente diffuse
  • DAD e DDI, analogie e differenze
  • Disabilità e didattica digitale integrata
  • Disabilità e comorbilità
  • L’utilizzo di Padlet per il BRAIN STORMING
  • Il sito di BABY FLASH per l’inclusione
  • Genially: un universo digitale a supporto della didattica

La presente iniziativa formativa vuole sostenere il docente nella profilatura del proprio bisogno formativo e relazionale, con riferimento ai contenuti esplicitamente connessi alle ipotesi di miglioramento di specifiche aree del proprio profilo di competenza, quali declinate al comma n. 129, art. 1 l. n. 107/2015 e successive circolari attuative.
L’iniziativa è articolata in lezioni asincrone, supportate da un corredo di documentazioni rilevante.

Iscriviti gratuitamente al corso

Apprendere, comprendere e ricordare

Esiste un interessante filone di ricerca che si propone di analizzare tutta quella serie di ostacoli, non dipendenti direttamente da deficit intellettuali o da mancanza di motivazione, che spesso gli studenti incontrano nello studio.
S’intende qui per studio una forma di lettura autoguidata, nel senso che lo studente decide quanto, come e perché studiare al fine di ottenere specifiche informazioni su un compito.

Questo campo di ricerca si preoccupa di rilevare e scoprire le possibilità di superamento delle lacune, di quegli anelli mancanti che, di fatto, impediscono l’accesso alla struttura profonda di un determinato significato a causa di concezioni erronee, d’associazioni inadeguate, di prerequisiti mancanti, di distorsioni o fraintendimenti che si ergono come veri e propri ostacoli di natura cognitiva (Case) .

Molti di questi insuccessi sono causati in particolare dalla mancanza di un pensiero strategico, in altre parole di quelle operazioni mentali necessarie per lo studio e per l’organizzazione delle conoscenze. Alcuni studenti scoprono spontaneamente, da soli queste operazioni, altri non ci riescono, né, d’altra parte sembra che la scuola si preoccupi in modo specifico d’insegnarle.

Programma delle lezioni:

  • Imparare a studiare
  • Apprendere, comprendere, ricordare
  • La comprensione
  • La ricerca psico-pedagogica
  • Schemi e mappe concettuali
  • Comprensione: livelli ed operazioni
  • La memoria
  • Memoria e metamemoria
  • Metamemoria e metacognizione nel bambino
  • Modelli di metamemoria
  • Tipi di memoria

Iscriviti gratuitamente al corso

Inclusione studenti con BES-DSA, il ruolo del docente: dalla pianificazione delle lezioni alla gestione della classe

In una classe che promuove l’inclusione, gli studenti con disabilità e altri bisogni speciali vivono insieme a studenti non disabili, invece di essere separati in un’aula di istruzione speciale. Per aiutare a soddisfare le esigenze degli studenti, un insegnante con studenti BES-DSA può lavorare per trasformare l’istruzione generale in una classe di inclusione. Il ruolo dell’insegnante metterà in azione un intervento che varia in base alle esigenze dei singoli studenti e al modo di lavorano insieme.

Il lavoro dell’insegnante moderno è variegato e complesso, in questo percorso formativo cercheremo di affrontare con taglio pragmatico queste complessità, cercando di rendere meno difficoltoso l’approccio a queste evoluzioni nell’ambito sociale e scolastico.

Iscriviti gratuitamente

Metodologie per la didattica digitale integrata

Nelle 3 video lezioni vengono illustrate, attraverso la visualizzazione di slide e link a risorse aggiuntive, le metodologie e le app che il web mette a disposizione per supportare la didattica a distanza e la didattica digitale integrata. Viene presentato un ventaglio di tools, piattaforme e app per poter fare DAD e DDI durante l’emergenza Covid 19. L’obiettivo è conoscere la DDI( Didattica Digitale Integrata) e i principi metodologici che ne sono alla base; conoscere gli strumenti per la creazione di attività di apprendimento; imparare a progettare attività e ambienti di apprendimento integrati, in modalità sincrona e asincrona; acquisire modalità innovative di collaborazione e condivisione con i colleghi del team con il supporto del digitale; acquisire le competenze relative a questo modo di “fare scuola” e trasportarle nel contesto scolastico.

La DDI è una modalità didattica che integra la tradizionale esperienza scolastica in presenza con una modalità virtuale dell’ambiente e dei setting di apprendimento (Classi virtuali, stanze, piattaforme ecc..). È una metodologia innovativa di insegnamento-apprendimento rivolta a tutti gli studenti e prevede un equilibrato bilanciamento tra attività sincrone e asincrone. E’un percorso educativo di insegnamento apprendimento che viene costruito attraverso strumenti e metodologie digitali e che porta all’utilizzo di Internet e dispositivi fissi e mobili quali pc, tablet e smartphone. Un percorso che viene supportato da applicazioni e software utili alla didattica. Ai ragazzi viene offerta la possibilità di organizzarsi in spazi e tempi nuovi, diversi, ma necessari. Il corso vuole offrire competenze esecutive e didattiche per riuscire ad utilizzare strumenti, percorsi e metodologie innovative che vadano incontro alle esigenze di tanti docenti e alunni.

Questo corso, con 3 video-lezioni di un’ora circa, diventa un’occasione di formazione e-learning, completamente on line, con un’ottimizzazione di spazi e tempi per i docenti.

Iscriviti gratuitamente

I fattori del metodo di studio in DDI e DAD

Durante il corso ci si domanderà quali siano “I fattori delle tecniche e del metodo di studio in Didattica digitale integrata e durante la Didattica a distanza”. All’interno della tematica relativa alle modalità di studio, s’inserisce, come noto, dunque, a pieno titolo, il discorso sulle tecniche di studio: sottolineare, prendere appunti, schematizzare, archiviare, nonché sulle strategie e mnemotecniche che occorre mettere a punto per studiare in modo economico ed efficace. Tecniche, strategie, mnemotecniche, non devono tuttavia essere considerate come espedienti per rendere lo studio meccanico ed impersonale, anzi come strumenti che possono aiutarci ad “assimilare” le informazioni, nel senso etimologico del termine, a renderle simili a noi stessi, ricodificandole secondo i nostri scopi, i nostri ritmi ed il nostro stile di apprendimento. È in questo, fondamentalmente, che il presente lavoro differisce dai numerosi manuali in commercio che pretendono di insegnare a studiare, come se fosse un’attività automatizzabile e perfettamente controllabile. Non è l’omologazione, l’unidirezionalità che, in questa sede, si vorrebbe favorire, bensì la diversità, la creatività, l’originalità, tutte cose, però, che possono nascere e crescere soltanto in una mente ben coltivata. L’apprendimento della lettura e della scrittura, infatti, ancor più che a distanza, mobilita le nostre risorse cognitive, rendendole capaci di contrastare il rischio di indottrinamento intellettuale insito nei nuovi media della comunicazione di massa. Programma delle lezioni: • Come rendere più efficace l’apprendimento in ambiente digitale • Come sottolineare in DaD • Come prendere appunti in DaD • Come schematizzare in DaD

Iscriviti al corso gratuitamente

Didattica in presenza e distanza digitale integrata: l’emergenza è formativa

La pandemia di coronavirus (Covid-19) si è evoluta fino a diventare una tempesta in tutto il mondo. Oltre alle attuali conseguenze di questa tempesta, è ancora davanti a noi come uno scenario che rischia di influenzare il mondo intero in dimensioni socio-culturali, politiche, economiche e in molte dimensioni che al momento non possiamo prevedere.

L’istruzione è stata indubbiamente colta nel mezzo di questa tempesta e la pandemia di Covid-19 ha cambiato la nostra prospettiva sull’istruzione e il modo in cui interpretiamo l’educazione. Una pandemia efficace a livello globale può essere considerata un disastro per natura e questo disastro può essere interpretato come la fine di alcune cose e come un segno di un nuovo inizio.

Nell’asse di questi pensieri, è possibile dire che ciò che è accaduto nel mondo dopo il Covid-19 crea un nuovo paradigma normale e nuovo e questo creerà un nuovo ordine mondiale.

Con la pandemia, il flusso e il ritmo della vita sono cambiati in tutto il mondo e sono state adottate pratiche come il lavoro flessibile, il lavoro da casa e il lavoro a rotazione per ridurre l’impatto della pandemia e rallentarne la diffusione a causa di la sua caratteristica altamente contagiosa. Inoltre, in tutto il mondo sono state prese precauzioni come il coprifuoco parziale o completo, i processi di quarantena, l’autoisolamento delle persone e la protezione della distanza sociale.

Nel contesto di queste precauzioni, i luoghi in cui poteva verificarsi il contatto umano-umano sono stati chiusi, comprese le scuole e le università. Con la chiusura delle istituzioni educative e l’interruzione dell’istruzione faccia a faccia, l’istruzione di circa 1,6 miliardi di studenti in tutto il mondo è stata interrotta. rito per la sua uccisione della figlia. Questi fuochi di segnalazione avrebbero richiesto una serie di fari in linea di  vista che si estendevano per 500 miglia intorno al Mar Egeo. La comunicazione in linea di vista, come richiederebbero gli incendi di segnali, ha una lunga storia. La maggior parte delle applicazioni di trasmissione televisiva richiede una linea di vista; persino i satelliti per le comunicazioni in orbita nella fascia di Clarke a migliaia di miglia sopra l’equatore sono “in vista” dei collegamenti verso monte e verso valle sulla Terra.

La comunicazione con qualcuno che puoi vedere ha un elemento viscerale che manca quando quella persona o gruppo di persone non è “in vista”. Certamente, una notevole comunicazione nell’istruzione a distanza non implica l’istruzione faccia a faccia. Il cuore della formazione a distanza è il concetto di separazione tra insegnante e discente. Molti dicono che l’incontro degli studenti con gli insegnanti sarà presto una reliquia del passato, come i fuochi di segnalazione. Questo gruppo promuove la convenienza dell’apprendimento “sempre e ovunque” e la potenza delle moderne tecnologie di comunicazione per unire gli studenti con eventi didattici, indipendentemente da quando sono necessari e indipendentemente da dove si trovino gli studenti.

Altri sostengono la necessità di un’istruzione faccia a faccia. Questo gruppo sottolinea l’importanza di vedere ed essere visti e la natura personale dell’ambiente di insegnamento / apprendimento. Alcuni dicono addirittura che non puoi davvero imparare alcuni argomenti senza trovarti in un luogo specifico con un gruppo selezionato di collaboratori.

Una terza posizione è sostenuta da altri che affermano che l’educazione dovrebbe avvenire utilizzando una combinazione di strategie didattiche. Schlosser e Burmeister (1999) hanno scritto sul “meglio di entrambi i mondi”, in cui corsi e programmi avrebbero percentuali variabili di esperienze di apprendimento faccia a faccia ea distanza. Gli approcci misti o ibridi sono probabilmente le applicazioni più diffuse dell’istruzione a distanza (Orellana, Hudgins & Simonson, 2009; Daffron & Webster, 2006; Epstein, 2006).

Iscriviti gratuitamente al corso

I programmi di insegnamento delle abilità di studio ai tempi della DDI

Ma qual è il modo migliore per introdurre informazioni nel sistema o per acquisire le informazioni nuove? Sono state condotte molte ricerche per tentare di rispondere a questa domanda e, negli ultimi vent’anni, sono stati sviluppati parecchi programmi di insegnamento delle abilità di pensiero e di problem solving che hanno cercato di dare un’impronta più concreta a questo settore di ricerca, traducendo, sul piano didattico, ciò che fino ad allora era stato oggetto di studi teorici. Anche se tutti meriterebbero di essere menzionati, riserviamo una particolare attenzione a quelli più significativi dal punto di vista didattico e che, allo stato attuale degli studi, godono di un certo grado di attendibilità. Il webinar punterà l’accento non solo su questo ma anche su suggerimenti pratici che l’insegnante dovrebbe fornire ai propri alunni relativamente alle risorse da utilizzare finalizzate a risultati eccellenti dello studio. Programma delle lezioni: • Imparare ad imparare: una questione di metodo • Studenti esperti ed inesperti • I fattori del metodo di studio • La motivazione • Quando studiare • Dove studiare • Condizioni psicofisiche per studiare Vantaggi dell’apprendimento a distanza rispetto all’istruzione tradizionale basata sulla didattica in presenza e metodi di studio innovativi • Competenze chiave che gli studenti in apprendimento a distanza devono sviluppare per studiare efficacemente • Suggerimenti e risorse per aiutare gli studenti a distanza ad eccellere nei loro studi.

Iscriviti gratuitamente al corso

Ptof ed emergenz Covid, cosa cambia?

Il corso si struttura in 3 video-lezioni di 1 ora ciascuna in cui si illustra che cosa è il Ptof (Piano Triennale dell’Offerta Formativa), quali sono i riferimenti normativi, chi lo redige, chi lo compila, chi lo elabora e chi lo approva; i collegamenti con il RAV, il PDM, il portale SNV e la Rendicontazione sociale. Nel secondo e nel terzo video, attraverso slide illustrative. viene spiegato, passo passo la compilazione del Ptof sulla piattaforma ministeriale del SIDI con l’introduzione della sezione dedicata alla DID (Didattica Digitale Integrata) e all’insegnamento dell’Educazione Civica. Il Ptof è il “documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche “, grazie al quale si realizza il confronto e la partecipazione tra tutte le componenti scolastiche, il personale, le famiglie, gli studenti e le “diverse realtà istituzionali, culturali, sociali ed economiche operanti nel territorio” (MIUR). Una vera e propria carta d’identità di un Istituto che ne esplicita l’intenzionalità sia formativa che educativa basandosi sulle proprie risorse umane, professionali, territoriali o economiche. Ricco e completo di tutto ciò che riguarda una Istituzione scolastica, il Ptof comprende tutti gli aspetti di una scuola: dall’organico, alla progettazione, alla DID all’Educazione Civica. Con il portale web (applicazione del SIDI), dove è possibile compilarlo e conoscerlo, il Ptof collega in maniera semplice diverse sezioni e diverse piattaforme offrendo uno spazio di lavoro e di aggiornamento continuo. Questo corso, della durata di tre ore in 3 video-lezioni di un’ora circa, diventa un’occasione di formazione e-learning, completamente on line, con un’ottimizzazione di spazi e tempi per i docenti, fornendo agli stessi la certificazione dell’Unità formativa di 25 ore. Impareremo quindi a redigere questo fondamentale documento in relazione all’emergenza Covid, soluzioni, spunti di riflessione ed attività pratiche

Iscriviti gratuitamente al corso

La progettazione della didattica

In una delle più grandi tragedie greche, Agamennone, Eschilo inizia il suo dramma con la parola di fuochi di falò che portano la notizia della caduta di Troia e del ritorno del re, notizie che hanno messo in moto il piano di Clitennestra di uccidere suo marito per la sua uccisione della figlia. Questi fuochi di segnalazione avrebbero richiesto una serie di fari in linea di vista che si estendevano per 500 miglia intorno al Mar Egeo. La comunicazione in linea di vista, come richiederebbero gli incendi di segnali, ha una lunga storia. La maggior parte delle applicazioni di trasmissione televisiva richiede una linea di vista; persino i satelliti per le comunicazioni in orbita nella fascia di Clarke a migliaia di miglia sopra l’equatore sono “in vista” dei collegamenti verso monte e verso valle sulla Terra.La comunicazione con qualcuno che puoi vedere ha un elemento viscerale che manca quando quella persona o gruppo di persone non è “in vista”. Certamente, una notevole comunicazione nell’istruzione a distanza non implica l’istruzione faccia a faccia. Il cuore della formazione a distanza è il concetto di separazione tra insegnante e discente. Molti dicono che l’incontro degli studenti con gli insegnanti sarà presto una reliquia del passato, come i fuochi di segnalazione. Questo gruppo promuove la convenienza dell’apprendimento “sempre e ovunque” e la potenza delle moderne tecnologie di comunicazione per unire gli studenti con eventi didattici, indipendentemente da quando sono necessari e indipendentemente da dove si trovino gli studenti.Altri sostengono la necessità di un’istruzione faccia a faccia. Questo gruppo sottolinea l’importanza di vedere ed essere visti e la natura personale dell’ambiente di insegnamento / apprendimento. Alcuni dicono addirittura che non puoi davvero imparare alcuni argomenti senza trovarti in un luogo specifico con un gruppo selezionato di collaboratori. Una terza posizione è sostenuta da altri che affermano che l’educazione dovrebbe avvenire utilizzando una combinazione di strategie didattiche. Schlosser e Burmeister (1999) hanno scritto sul “meglio di entrambi i mondi”, in cui corsi e programmi avrebbero percentuali variabili di esperienze di apprendimento faccia a faccia ea distanza. Gli approcci misti o ibridi sono probabilmente le applicazioni più diffuse dell’istruzione a distanza (Orellana, Hudgins & Simonson, 2009; Daffron & Webster, 2006; Epstein, 2006). Ad oggi, tuttavia, nessun processo chiaro e verificato per determinare se l’istruzione faccia a faccia, l’istruzione a distanza o una combinazione delle due sia la migliore. La maggior parte dei progettisti e dei tecnologi dell’istruzione sanno che Richard Clark aveva ragione quando ha affermato che i media sono “semplici veicoli”, ma quando i corsi sono progettati e le istruzioni fornite, quali sono i modelli, i processi, gli approcci da utilizzare per  determinare se un modulo , corso o programma dovrebbe essere consegnato faccia a faccia o online? Oppure, quale percentuale di ciascuno è “migliore”? Dov’è la ricerca?

Certamente, le decisioni su come tenere un corso non dovrebbero essere basate esclusivamente sulle “convinzioni” dell’istruttore o sui mandati degli amministratori. I fuochi di segnalazione parlavano della caduta di Troia, probabilmente perché quella era la

tecnologia disponibile più appropriata. Oggi, molte tecnologie sono disponibili per l’istruzione dello studente a distanza. I processi di progettazione didattica aiutano l’istruttore a prendere decisioni informate sull’uso della tecnologia.

Iscriviti gratuitamente al corso

Stampa