Per la scuola è notte fonda: dalla Manovra in più solo 100 milioni per gli istituti paritari

WhatsApp
Telegram

Era ampiamente preventivabile visto il quadro socio-economico, ma, a leggere il comunicato stampa del governo al termine della riunione del Consiglio dei Ministri che ha approvato la Manovra 2023, per l’istruzione c’è poco o nulla.

Anzi, l’unica misura degna di nota segnalata nella nota di Palazzo Chigi riguarda le scuole paritarie:  previsto il ripristino del contributo (70 milioni) + trasporto disabili (24 milioni).

Per capirne di più occorre leggere il disegno di legge che verrà trasmesso nelle prossime ore alla Camera, ma, allo stato attuale, come confermato lunedì, a margine di evento a Milano, dal ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, la coperta è corta, anzi molto corta.

Il governo ha scelto di destinare gran parte dei fondi a disposizione per combattere contro l’inflazione e il caro-energia, per l’istruzione (e anche per la sanità) occorrerà aspettare tempi migliori.

Per il Mim, incassato il rinnovo del contratto scuola (con fondi, comunque, già stanziati dai precedenti governi), occorrerà aspettare nuovi provvedimenti e, soprattutto, un quadro macro-economico pià favorevole.

Per la struttura diretta da Valditara ci sarà l’occasione di gestire i finanziamenti europei del PNRR  e continuare, a tutta forza, con il piano previsto dal governo Draghi: già in ritardo, serve accelerare per rispettare le scadenze imposte dall’Europa.

Leggi anche

Più stipendio netto per docenti e Ata, via dal lavoro con Quota 103, confermate Ape Social e Opzione Donna. Il Governo approva la Manovra 2023. TUTTE LE MISURE APPROVATE

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur