Pensioni, un giovane di 25 anni andrà via a 70 anni con oltre 46 di contributi. Pacifico (Anief): “Siamo alla follia, anch’io lascerò il lavoro a 69 anni, il Governo deve intervenire subito”

WhatsApp
Telegram

Un ragazzo di 25 anni che lavora da un anno potrebbe andare in pensione anticipata a 70 anni con almeno 46 anni e 4 mesi di contributi oppure in pensione di vecchiaia a 70 anni e sei mesi sempre che abbia almeno 20 anni di contributi e un assegno di almeno 1,5 volte il minimo.

Si tratta di una delle previsioni di “Pensami”, il nuovo simulatore INPS che fornisce stime in merito a quando si andrà in pensione.

Per i trentenni, sottolinea l’Inps in una nota, la situazione è di poco migliore con la pensione di vecchiaia per un lavoratore nato nel 1990 a 70 anni con 20 anni di contributi e a riposo con quella anticipata con 45 anni di contributi versati a prescindere dall’età.

Purtroppo non è uno scherzo, ma siamo davvero alla follia – dice Marcello Pacifico, presidente nazionale del sindacato Anief che si sta battendo per evitare il ritorno alla Legge Fornero senza deroghe – perché chi ha oggi 25 anni e non inizia a lavorare subito andrà in pensione a 75 anni di età, dopo quasi mezzo secolo passato al lavoro. La verità è che non si può lavorare una vita senza un dignitoso riposo. Nella scuola gli altri Paesi mandano gli insegnanti in pensione a circa 60 anni e senza riduzioni dell’assegno, non come da noi dove l’anticipo, come Opzione Donna che comporta penalizzazioni anche del 30-40%. Dopo la precarietà, questa deve essere la priorità del Governo”.

Pacifico, che ha utilizzato il simulatore Inps per verificare quando potrà lasciare il lavoro, spiega: “Con 44 anni di contributi e adesione al fondo Espero  andrò con la pensione anticipata nel 2044, a 67 anni o con la pensione di vecchiaia nel 2047 a 69 anni. Praticamente, un docente passa una vita a lavorare nel luogo più a rischio burnout della pubblica amministrazione e può andarsene non prima dei 70 anni: non è possibile, perché l’insegnamento è un lavoro usurante e noi continueremo a chiederlo in tutte le sedi, a partire dalla Commissione Lavori gravosi: nella scuola, in particolare, serve una finestra per la scuola e il riscatto gratuito degli anni universitari: 40 anni di contributi (massimo 64 anni con 20 anni di contributi), con il massimo contributivo e tanto di ringraziamento da parte del Presidente della Repubblica con la nomina a cavaliere del lavoro”.

Il giovane sindacato chiede “una ‘finestra’ ad hoc, assieme anche alla conversione gratuita in contributi della formazione universitaria, come pure rivendicato più volte di recente dal presidente dell’Inps Pasquale Tridico. Secondo Anief basterebbe adottare gli stessi parametri di accesso alla pensione previsti per i lavoratori delle forze armate, permettendo al personale della scuola, uomini compresi, di lasciare in ogni caso il lavoro a 62 anni e senza tagli all’assegno di quiescenza.

Anche l’allargamento dell’Ape Sociale a tutti i dipendenti della scuola, potrebbe essere un passo in avanti importante – spiega ancora Pacifico –, non si tratterebbe di nessuna concessione, visto l’alto numero di casi di insegnanti sottoposti a burnout e a patologie invalidanti dovute allo stress da lavoro prolungato e senza nemmeno il dovuto riconoscimento del rischio biologico, invece previsto per altre professioni anche del comparto pubblico. Occorre quindi una deroga vera per il settore scolastico”.

“Pensami”

Inserendo pochi dati anagrafici e quelli relativi alla contribuzione, come abbiamo già riportato, il simulatore fornisce le informazioni riguardanti le pensioni a cui è possibile accedere sia nelle singole gestioni previdenziali sia cumulando l’intera contribuzione, ma non gli importi delle prestazioni.

La nuova versione del servizio “Pensami” è raggiungibile dal sito internet dell’Istituto (www.inps.it) attraverso il seguente percorso dalla homepage: “Prestazioni e servizi” > “Servizi” > “Pensami – Simulatore scenari pensionistici”.

Il simulatore

Leggi anche

Pensioni, entro l’estate la riforma: le ipotesi al vaglio per superare la legge Fornero. Al via gli incontri fra Governo e parti sociali. Il Ministro Calderone: “Basta interventi tampone”

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur