Pensioni, riforma Lega – M5S costerà 337 euro a famiglia

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Codacons avverte “Trattandosi di un contratto che introduce obblighi a carico delle parti, nel caso in cui non saranno rispettate le clausole in esso contenute sarà inevitabile una class action del Codacons per inadempimento contrattuale per conto di tutti i cittadini italiani”.

Il Codacons ha fatto “i conti in tasca” al Contratto di Governo stipulato tra Lega e M5S e che è alla base del nascente esecutivo guidato da Giuseppe Conte.

Il contratto di Governo siglato da M5S e Lega – spiega il Coordinamento – avrà un impatto pari a quasi 4200 euro a famiglia.

Il dettaglio

FLAT TAX: 2083 euro a famiglia
REDDITO DI CITTADINANZA: 708 euro a famiglia CENTRI PER L’IMPIEGO: 83 euro a famiglia MERCATO DEL LAVORO: 208 euro a famiglia RIFORMA PENSIONI: 337,5 euro a famiglia POLITICHE PER LA FAMIGLIA: 708 euro a famiglia
INVESTIMENTI: 250 euro a famiglia
ASSUNZIONI FORZE DELL’ORDINE: 16,6 euro a famiglia INDENNITÀ CIVILE: 75 euro a famiglia

Il contratto tuttavia prevede anche dei risparmi in favore delle famiglie, come la riduzione delle accise sui carburanti e i tagli ai costi della politica. Nel dettaglio :

ELIMINAZIONE ACCISE BENZINA: -250 euro a famiglia RIDUZIONE COSTI POLITICA: -12,5 euro a famiglia RIDUZIONE MISSIONI ESTERE: -8,3 a famiglia

Senza contare la clausole di salvaguardia che, non essendo scattate, non hanno ancora prodotto alcun costo a carico dei cittadini, il contratto di Governo se attuato determinerà un maggiore costo annuo a carico della collettività quantificabile in 4.198,3 euro a famiglia – calcola il Codacons.

Il tutto naturalmente se non si riuscirà a reperire risorse dalla UE per finanziare i vari provvedimenti

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione