Pensioni quota 100, TFR/TFS: prestito bancario con interessi a carico del dipendente e dello Stato

Stampa

La bozza di decreto, che disciplinerà  quota 100, prevede che i dipendenti pubblici abbiano liquidato il Tfr/Tfs al momento in cui avrebbero maturato la corresponsione dello stesso secondo quanto previsto dalla legge Fornero, in pratica al raggiungimento dei 67 anni d’età.

TFR/TFS: prestito bancario

Lo stesso decreto prevede che le pubbliche amministrazioni stipulino apposite convenzioni con le banche per la liquidazione anticipata del TFR/TFS, nelle quali siano preventivamente fissati i tassi di interesse da applicare.

TFR/TFS: negoziato in atto per prstiti bancari

Sulla questione, come riferisce l’Ansa, è intervenuto il Ministro Bongiorno, annunciando quanto segue:

“Stiamo negoziando” con le Banche “in modo che potremo avere l’anticipazione” della liquidazione da parte delle Banche.

Gli interessi, ha proseguito il Ministro, non saranno tutti a carico del dipendente, ma anche dello Stato. La bozza di decreto, al momento, non lo indica.

Pensioni quota 100, per la scuola probabile scadenza domanda 28 febbraio

Stampa

Graduatorie terza fascia ATA: incrementa il punteggio con le offerte Mnemosine, Ente accreditato Miur