Pensioni. Quota 100 Rossi (LeU): “La facciano subito”. Vedi se hai i requisiti anche per l’opzione donna

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il presidente della Toscana, Rossi (LeU) si è dichiarato favorevole, in tema di pensioni, alla quota 100 prevista nel contratto di Governo Lega – M5S. Anzi ha affermato: “La facciano subito: questo sarebbe un segnale importante dato al mondo del lavoro, e credo che la sinistra debba chiederlo a questo governo”.

Secondo il Governatore, come riferisce l’Ansa, la sinistra ha sbagliato a non presentare una proposta di modica della legge Fornero in campagna elettorale.

Quanto ai costi, Rossi ha affermato che con i Bonus Renzi si coprirebbe la spesa prevista di 15 miliardi il primo anno e 20 miliardi a regime. Queste le Sue parole:  “Io penso che siccome Tito Boeri dice che questa revisione può costare il primo anno 15 miliardi e poi a regime 20 miliardi all’anno, faccio presente che 20 miliardi all’anno Renzi ne ha spesi di più con i suoi bonus, e quindi la proposta è fattibile

Quota 100 e opzione donna

In base a quanto scritto nel contratto di Governo Lega-M5S, si dovrà porre in essere una misura che permetta di andare in pensione con la cosiddetta quota 100, da raggiungere sommando età anagrafica e contributi versati: età anagrafica, con un minimo di 64 anni, più contributi.

Un altra provvedimento in merito di pensioni riguarda la proroga dell’opzione donna: uscita con 57-58 anni di età e 35 anni di contributi e assegno “contributivo”.

Pensioni, opzione donna e stop all’APE social i primi provvedimenti, poi quota 100. Fornero: costi esorbitanti

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione