Pensioni quota 100, quando sarà introdotta?

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Una operazione quella delle pensioni quota 100 che se sarà attuata richiederà un grande lavoro, a partire dalla ricerca delle coperture finanziarie.

Il Governo si sta permettere a lavoro, ieri sono stati nominati i sottosegretari e il Parlamento è già operativo per  iniziare il proprio lavoro legislativo.

Tra le attese, quella della riforma delle pensioni e dell’introduzione della quota 100 ed opzione donna

Quota 100 e opzione donna

Il programma di Governo prevede

  • quota 100, somma dell’età e degli anni di contributi del lavoratore è pari a 100 con almeno 35 anni di contributi;
  • proroga “opzione donna” permettere alle lavoratrici con 57-58 anni e 35 anni di contributi di andare in quiescenza subito, optando in toto per il regime contributivo.

Penalizzazioni

Molti quotidiani hanno avviato una speculazione su quelle che potrebbero essere le possibili penalizzazioni subite dai lavoratori che aderiranno ad una possibile quota 100.

Si parla di un taglio agli assegni pensionistici che si aggira intorno ai 200 euro, che vanno dai 210 euro circa per chi oggi ha 20 anni di età, ai 50 euro per chi oggi ha 60 anni. Permetterebbe, però, di anticipare la pensione anche fino a 5 anni prima dell’attuale sistema. Tutti i dati

Ricerca delle risorse

Tra le problematiche messe in evidenza c’è la questione della ricerca delle coperture finanziarie per l’avvio di quota 100. Si tratta, secondo quanto scritto nel contratto di Governo tra Lega e Movimento 5 Stelle di 5 miliardi annui. Si tratterà, probabilmente, di una cifra tetto per le richieste di pensionamento. Un passaggio ancora da definire con precisione, e che è di fondamentale importanza.

Quando sarà attuata quota 100?

In questo ci viene in aiuto il Sole 24 Ore che anticipa come il Governo potrebbe inizialmente concentrarsi su misure che nell’essere realizzati abbiano budget zero e nessun impatto sui conti pubblici.

La questione riforma delle pensioni potrebbe,m invece, essere accorpata ad altri grandi temi quali flat tax, reddito di cittadinanza. La possibilità che la quota 100 venga attuata prima delle altre riforme con “budget”, risiede nel fatto che i costi per la realizzazioni sono inferiori rispetto ai 50 miliardi per la riforma del fisco e i 30 per quella del sussidio di cittadinanza.

Il tempo potrebbe, probabilmente, dipendere dal lungo e difficile lavoro di preparazione della riforma che dovrà fare i conti con l’articolata e complessa situazione attuale al fine di non danneggiare alcune categorie di lavoratori.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione