Pensioni quota 100: attuazione 1° gennaio 2019? No secondo la tabella del M5S

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il Viceministro dell’Economia, Massimo Garavaglia, è intervenuto sulla tempistica relativa alle pensioni con quota 100.

Quota 100

Queste, come riferisce Adnkronos, le parole di Garavaglia:

Confermiamo che la quota 100 per le pensioni partirà al massimo entro il mese di febbraio, anche se faremo di tutto per renderla operativa già dal 1° gennaio 2019“.

La spesa per sostenere il provvedimento, prosegue il Viceministro, è pari a 7 miliardi di euro per il prossimo anno.

Garavaglia, infine, esprime il suo disappunto riguardo alle tabelle sulle cifre fatte circolare: “Dispiace che esponenti degli alleati di governo vadano in giro con tabelle non ufficiali e che sono mere simulazioni“.

Le cifre

La tabella, cui si riferisce il viceministro, dovrebbe essere quella M5S con i costi delle varie misure (come riferisce l’Ansa), che indicherebbe per il superamento della legge Fornero sulle pensioni solo 5,25 miliardi a fronte dei 7 indicati dalla Lega. Cifra che sarebbe raggiunta a partire dal 2020 e che potrebbe indicare il fatto che quota 100 potrebbe essere introdotta non a inizio anno, come continua a sostenere la Lega, ma da marzo-aprile.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione