Pensioni quota 100, ma 64 anni di età sono troppi. Abbassare limite

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Una delle prime misure in tema di pensioni, che il nuovo Esecutivo dovrebbe porre in essere, è la cosiddetta quota 100, grazie alla quale si potrà andare in pensione sommando età anagrafica e contributi versati. 

Limiti

Per raggiungere la succitata quota, però, dovrebbe esserci un paletto, ossia almeno 64 anni di età e 36 di contributi.

Furlan

A favore della quota 100 si è espressa, come riferisce l’Ansa,  la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, a margine della Conferenza nazionale dei servizi del sindacato.

La Furlan ha definito positiva la misura, troppi invece i 64 anni  anni come requisito minino relativamente all’età anagrafica.

Queste le Sue parole:

bisogna aprire un dialogo sociale vero, uscendo dalla logica elettorale e portando proposte concrete. Bene la ‘quota 100’, ma 64 anni di età sono troppi. Se accompagnato da 41 anni di contributi può essere un meccanismo da valutare“.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione