Pensioni quota 100, Forza Italia: assegno decurtato del 30% e liquidazione dopo otto anni

WhatsApp
Telegram

Il senatore Maurizio Gasparri (FI) è intervenuto su quota 100, esprimendo un giudizio tutt’altro che positivo.

Quota 100: assegno decurtato del 30%

Queste, come riferisce l’Ansa, le parole del Senatore:

Più che quota 100 per i pensionati si prospetta un grande inganno con quota meno 30 e più 8. Sarà infatti anche del 30% la decurtazione della pensione che verrà applicata per tutta la vita a chi aderirà a questa formula. Un terzo circa di entrate in meno per sempre. E sarà di otto anni il rinvio dell’incasso della liquidazione“.

Quanto alla liquidazione, prosegue Gasparri, l’eventuale pagamento anticipato determinerà un ulteriore taglio per contribuire al pagamento degli interessi alle banche che dovessero accettare di anticipare la liquidazione.

Quota 100: indicazioni

  • requisiti: almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi (in via sperimentale per il triennio 2019/2021);
  • cumulo tra due o più gestioni previdenziali;
  • chi matura i requisiti entro il 31 dicembre 2018, consegue il diritto alla decorrenza della pensione dal 1° aprile 2019;
  • chi matura i requisiti al 1° maggio 2019 consegue il diritto alla pensione tre mesi dopo la data di maturazione del requisito;
  • i dipendenti pubblici dovranno presentare all’Amministrazione di appartenenza la domanda di collocamento al riposo con un preavviso di sei mesi;
  • per il personale del comparto scuola la cessazione dal servizio ha effetto dalla data d’inizio dell’anno scolastico, con decorrenza dalla stessa data del relativo trattamento economico nel caso di prevista maturazione del requisito entro il 31 dicembre dell’anno.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur