Pensioni quota 100, di vecchiaia e anticipata: disposizioni personale AFAM

di Patrizia Del Pidio

item-thumbnail

Tutte le disposizioni di pensionamento per vecchiaia, anticipata e quota 100 per il personale AFAM per il 2019.

Il MIUR ha pubblicato, con il messaggio dell’8 febbraio 2019 ha reso note le  disposizioni per la cessazione dal servizio del personale docente e tecnico-amministrativo delle Accademie di Belle Arti, delle Accademie Nazionali di Danza e di Arte Drammatica, dei Conservatori di musica e degli Istituti Superiori per le Industrìe Artistiche, per l’anno accademico 2019/2020.

Pensione di vecchiaia

Il requisito utile per la pensione di vecchiaia per il personale, sia maschile che femminile, è il compimento dei 67 anni di età entro il 31 ottobre 2019 avendo maturato almeno 20 anni di anzianità contributiva; ciò determina il collocamento a riposo d’ufficio del dipendente. Rimane salva a domanda dell’interessato ai sensi dell’art. 59 c. 9 della legge n, 4491/997, la possibilità di essere collocati a riposo, a domanda, ove lo stesso maturi il predetto requisito anagrafico nel periodo compreso tra il 1 novembre e il 31 dicembre 2019.

Pensione anticipata

Il requisito utile per la pensione anticipata, così come stabilito dal D.L. 28 gennaio 2079, n.4, art. 15, è aver maturato, entro il 31 dicembre 2079,41 anni e 10 mesi di anzianità contributiva, per le donne, e 42 anni e 10 mesi, per gli uomini e ciò con esclusione di qualsiasi arrotondamento. Si evidenzia che per l’accesso alla pensione anticipata non sono previsti requisiti anagrafici minimi atteso che, per effetto di quanto disposto dall’art. 1 c. 194 della legge 11 dicembre 2016, n. 232, per i trattamenti pensionistici decorrenti dal 10 gennaio 2018 non trovano più applicazione le penalizzazioni previste dall’art. 24 c, 10, terzo e quarto periodo, del D.L. n. 201/2011.

Si rammenta che, ai sensi dell’art. 2 c. 5 del D.L. 31 agosto 2013, n. 101, convertito con modificazioni dalla Legge 30 ottobre 2013, n. 125 e di quanto indicato nella circolare del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione n. 2/2015, dovrà essere collocato a riposo d’ufficio anche il personale che alla data del 31 ottobre 2019 avrà compiuto il 65esimo anno di età e maturato la massima anzianità contributiva (41 anni e 10 mesi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini).

Pensione quota 100

Per accedere alla quota 100 sono necessari i seguenti requisiti:

– una anzianità anagrafica di almeno 62 anni;

– una anzianità contributiva di almeno 38 anni.

Per il personale del comparto scuola resta fermo, ai fini dell’accesso al trattamento pensionistico, che la cessazione dal servizio ha effetto dalla data di inizio dell’anno scolastico e accademico dell’anno successivo, con decorrenza dalla stessa data del relativo trattamento economico nel caso di prevista maturazione del requisito entro il 31 dicembre dell’anno; pertanto i requisiti della quota 100 si considerano raggiunti se maturati entro il 31 dicembre dell’anno di decorrenza della pensione e la data di cessazione dal servizio e accesso al trattamento pensionistico, per il personale AFAM, è al 1 novembre.

Domande cessazione dal servizio

La domanda di cessazione dal servizio va presentata entro il 28 febbraio ed avranno effetto dal 1 novembre 2019.

L’eventuale rinuncia va presentata entro l’8 marzo 2019.

Entro il 30 marzo le istituzioni accerteranno la sussistenza del diritto al trattenimento.

Per la cessazione dal servizio l’accettazione si intende avvenuta dal 3 aprile 2019 se non si riceve diversa comunicazione, senza che vi sia emissione di diverso atto formale.

Dal 3 al 10 aprile si dovranno inserire le domande al Cineca.

Invia il tuo quesito a [email protected]

I nostri esperti risponderanno alle domande in base alla loro rilevanza e all'originalità del quesito rispetto alle risposte già inserite in archivio

Versione stampabile
Argomenti: